Terrasanta.net | Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Il Papa annuncia una giornata di preghiera per il Medio Oriente

Christophe Lafontaine
26 aprile 2018
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Il Papa annuncia una giornata di preghiera per il Medio Oriente
Celebrazione armena nella cattedrale di san Giacomo a Gerusalemme (foto Sebi Berens/Flash90)

Papa Francesco si recherà in Puglia il 7 luglio per una «giornata di riflessione e di preghiera sulla situazione drammatica del Medio Oriente».


Bari: una finestra sull’Oriente. La città accoglierà papa Francesco il prossimo 7 luglio per «una giornata di riflessione e preghiera sulla situazione drammatica del Medio Oriente», come ha comunicato dalla Sala stampa del Vaticano il 25 aprile. Il papa intende conferire a questo incontro per la pace un carattere ecumenico, invitando i capi delle Chiese orientali della regione: dall’Egitto all’Iraq, passando per il Libano, la Siria, la Terra Santa (Israele, Palestina, Giordania e Cipro), senza dimenticare lo Yemen, dove prosegue il conflitto. Il papa invita fin d’ora a preparare questo evento con la preghiera.

In Francia, l’Œuvre d’Orient, un’associazione cattolica che da oltre 160 anni sostiene i cristiani d’Oriente, ha proposto a tutte le parrocchie del Paese di pregare per la pace con i cristiani d’Oriente. «Non ha senso credere che si possa risolvere certi problemi solo con la violenza – ha affermato mons. Pascal Gollnisch, che è responsabile in Francia per i fedeli di rito orientale –. La domanda di pace riunisce la missione dei cristiani, cui Cristo ha chiesto di essere operatori di pace, e il desiderio delle popolazioni locali». Mons. Gollnisch fa questa constatazione: «I cristiani nel Medio Oriente non sono più una forza in senso politico, una forza economica o militare. Questo significa che la forza dei cristiani è il Vangelo, essere operatori di pace, occuparsi dei poveri, dei malati e dei piccoli».

A questo slancio spirituale si è unito mons. Ignazio Giuseppe III Younan, patriarca della Chiesa siriaca cattolica, condividendo una preghiera che susciti «la speranza di una pace giusta e duratura in grado di salvare i nostri Paesi mediorientali che hanno tanto sofferto a causa di guerre distruttrici e crisi economiche soffocanti». L’arcivescovo greco-melchita di Aleppo, Clément Jeanbart, ha scritto a questo scopo un testo intitolato Preghiera di un cristiano siriano: “Signore, resta con noi”.

È significativa la scelta di Bari per questo evento ecumenico: san Nicola, che fu vescovo di Myra in Asia Minore, fra III e IV secolo, e le cui reliquie sono custodite nella città pugliese, è uno dei santi più amati tra i cristiani ortodossi.

Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai al sito dell'Ufficio pellegrinaggi
Una nuova strada
Cristiana Dobner

Una nuova strada

Carlo Maria Martini, gli Esercizi e la Parola
Grecia

Grecia

Luoghi cristiani e itinerari paolini
Il libro della vita
Alberto Mello

Il libro della vita

Leggere i Salmi
Preferivo le cipolle
Giorgio Bernardelli

Preferivo le cipolle

Dieci obiezioni (da sfatare) a un viaggio in Terra Santa