Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

È di nuovo festa sulla Spianata delle Moschee

Terrasanta.net
2 settembre 2017
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
È di nuovo festa sulla Spianata delle Moschee
Fedeli musulmani prostrati in preghiera per la Festa del Sacrificio sulla Spianata delle Moschee. (foto Sliman Khader/Flash90)

(g.s.) – È Il primo settembre e siamo nel cuore di Gerusalemme. L’edificio sullo sfondo è la moschea Al-Aqsa. Anche qui, come nel resto del mondo, i musulmani celebrano la festa di Eid al-Adha. Il clima è sereno, i giorni tesi della seconda metà di luglio sembrano lontani e la Spianate delle Moschee – lasciata deserta dai palestinesi in segno di protesta – è ormai di nuovo affollata.

Eid al-Adha è la festa che commemora il momento in cui il patriarca Abramo mostrò la sua fede e obbedienza a Dio al punto da essere pronto a sacrificargli, su suo ordine, il figlio Ismaele (la Bibbia ebraica, a cui fanno riferimento anche i cristiani, parla invece di Isacco). La mano di Abramo fu fermata da un angelo prima che egli vibrasse il colpo mortale sul ragazzo. In sua vece venne sacrificato un armento.

La tradizione vuole che il monte Moria, ove Abramo salì per il sacrificio, coincida proprio con il monte del Tempio ebraico, l’altura su cui oggi vediamo la Spianata delle Moschee.

Mindfulness per mamme
Riga Forbes

Mindfulness per mamme

Pensieri per una maternità senza ansie
Che cosa sogni, Macchia?
Isabella Salmoirago

Che cosa sogni, Macchia?

La vita consacrata
Najib Ibrahim

La vita consacrata

Riflessioni bibliche sulla sequela di Gesù Cristo
Il sole anche di notte
Dominique Blain

Il sole anche di notte

La spiritualità della fiducia in Teresa di Lisieux e Francesco d'Assisi