Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Da Gerusalemme a Cracovia: è tempo di Gmg

Terrasanta.net
22 luglio 2016
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Da Gerusalemme a Cracovia: è tempo di Gmg
I vessilli della Gmg 2016 a Cracovia. (foto J. Graczynski/East News)

(g.s.) – Sono circa 700 i giovani, per lo più arabi, della Terra Santa (Giordania inclusa) in questi giorni raggiungono Cracovia per partecipare alla Giornata mondiale della Gioventù 2016. Il programma ufficiale prevede l’apertura della Gmg il 26 luglio, con chiusura il primo agosto, ma tanti gruppi sono già in viaggio da ogni parte del mondo, per una festa di fede e fraternità che lascerà un segno nelle vite di molti.

Un primo gruppo di 180 ragazzi e ragazze palestinesi (c’è anche una piccola rappresentanza della parrocchia di Gaza) è partito da Gerusalemme alla volta di Cracovia la notte del 18 luglio con un volo charter. I palestinesi generalmente preferiscono partire da Amman, la capitale Giordana, per non sottoporsi ai severi controlli dell’aeroporto Ben Gurion di Tel Aviv. Questa volta invece hanno preso il volo proprio da lì. Non è bastato arrivare in aeroporto nel cuore della notte, 4 ore prima del previsto decollo, per completare in tempo tutte le formalità che precedono l’imbarco. I bagagli a mano sono stati controllati due volte e l’aereo ha ritardato la partenza di un’ora e mezza. I giovani pellegrini di Terra Santa sono atterrati a Cracovia 4 ore e mezza più tardi stanchi ma felici, accolti con calore dai coetanei polacchi. Ora è tutta festa.

Il 28 luglio è previsto l’accoglienza dei giovani della Gmg a Papa Francesco.

Mindfulness per mamme
Riga Forbes

Mindfulness per mamme

Pensieri per una maternità senza ansie
Che cosa sogni, Macchia?
Isabella Salmoirago

Che cosa sogni, Macchia?

La vita consacrata
Najib Ibrahim

La vita consacrata

Riflessioni bibliche sulla sequela di Gesù Cristo
Il sole anche di notte
Dominique Blain

Il sole anche di notte

La spiritualità della fiducia in Teresa di Lisieux e Francesco d'Assisi