Terrasanta.net | Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Alla Knesset nuove norme sulla decadenza dei deputati

Terrasanta.net
21 luglio 2016
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Alla Knesset nuove norme sulla decadenza dei deputati
La deputata arabo-israeliana Hanin Zoabi viene espulsa dall'aula parlamentare nel febbraio scorso durante un infuocato intervento. (foto Hadas Parush/Flash90)

Nella notte tra il 19 e il 20 luglio il parlamento israeliano ha approvato una legge che permette di far decadere quei deputati che sostengono la lotta armata contro Israele.


(a. b-r.) – A Gerusalemme la Knesset ha adottato il 20 luglio scorso una nuova legge che permette di espellere dall’assemblea parlamentare israeliana i deputati che «si abbandonino a incitazioni al razzismo o sostengano la lotta armata contro lo Stato di Israele». La normativa, approvata con 62 voti a favore e 47 contrari al temine di un dibattito molto vivace, dispone che un deputato possa decadere se votano in tal senso 90 parlamentari su 120 (i tre quarti), tra i quali devono essere compresi anche 10 membri delle opposizioni. La decisione del potere legislativo israeliano giunge sull’onda delle polemiche suscitate dalla visita di deputati arabo-israeliani alle famiglie di alcuni palestinesi uccisi nel corso di attacchi ai soldati di Tsahal (le forze di difesa israeliane). Visita di solidarietà che aveva provocato la collera della maggioranza parlamentare.

Il primo ministro Benjamin Netanyahu si è congratulato per l’adozione di uno strumento che «mette fine a una situazione assurda, che vede sedere alla Knesset sostenitori del terrorismo contro lo Stato di Israele e i suoi cittadini». Nissan Slomiansky, deputato del partito HaBayit HaYehudi (La casa ebraica) – partito della destra religiosa presieduto da Naftali Bennett, ministro a capo di due dicasteri: l’Istruzione e la Diaspora – nega che le nuove norme intendano prendere di mira specificatamente i deputati arabo-israeliani e sottolinea che fino ad oggi l’unico deputato a cui fu impedito di ricandidarsi fu, negli anni Ottanta, l’estremista ebreo Meir Kahane.

L’opposizione resta convinta del contrario e denuncia l’adozione di norme «razziste» che prendono di mira proprio i deputati arabo-israeliani.

Il leader dei laburisti, Isaac Herzog, ha fustigato «un governo odioso che acuisce quelle fratture che minacciano la società israeliana più di qualunque nemico esterno».

I deputati arabo-israeliani, che con la loro Lista unita si sono aggiudicati 13 seggi nelle elezioni del marzo 2015, hanno annunciato l’intenzione di rivolgersi alla Corte suprema per ottenere l’annullamento di questa nuova legge.

Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai al sito dell'Ufficio pellegrinaggi
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
In nome dell’amore
Simone Weil

In nome dell’amore

Investigazioni spirituali su Gesù di Nazaret
«Mangia il pane con gioia, bevi il vino con allegria»

«Mangia il pane con gioia, bevi il vino con allegria»

Letture di testi sacri per vivere insieme
Atti degli apostoli: analisi sintattica
Lesław Daniel Chrupcała

Atti degli apostoli: analisi sintattica

Calendario di Terra Santa 2020 (da tavolo)

Calendario di Terra Santa 2020 (da tavolo)

Gregoriano, giuliano, copto, etiopico, armeno, islamico, ebraico