Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

È tempo di Ramadan, ma non c’è pace

Terrasanta.net
10 giugno 2016
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
È tempo di <i>Ramadan</i>, ma non c’è pace
Una via di Nablus, in Cisgiordania, addobbata per il Ramadan. (© foto: Haytham Shtayeh/Flash90)

Il 6 giugno ha avuto inizio per i musulmani del Medio Oriente il Ramadan (in alcuni paesi del mondo è iniziato il giorno dopo), mese dedicato al digiuno e all’astinenza nelle ore diurne. In molte città e quartieri mediorientali questo speciale arco di tempo viene sottolineato con luminarie e addobbi (come vediamo in questa strada di Nablus). L’atmosfera sociale si fa più rilassata e i ritmi del lavoro rallentano in attesa del tramonto, quando il digiuno viene rotto e ci si riunisce in famiglia e con gli amici per consumare il pasto comune.

Purtroppo in Israele/Palestina la tensione si è nuovamente impennata proprio in questi primi giorni di Ramadan con l’attentato portato a termine la sera dell’8 giugno in un centro commerciale di Tel Aviv (4 morti e decine di feriti) da due giovani palestinesi – cugini fra loro – provenienti dal villaggio di Yatta, nei pressi di Hebron. Subito il governo israeliano ha fatto scattare il piano di sicurezza e revocato 83 mila permessi concessi ai palestinesi dei Territori perché potessero far visita ad amici e parenti in Israele. Sono state anche revocate le autorizzazioni rilasciate a un contingente di abitanti della Striscia di Gaza desiderosi di recarsi a pregare sulla Spianata delle Moschee, nel cuore di Gerusalemme.

Alla vigilia del Ramadan un comunicato augurale del patriarcato latino di Gerusalemme indirizzato ai connazionali musulmani recitava: «In un Medio Oriente scosso dalla violenza, imploriamo Dio di aiutare gli uomini a rispettarsi gli uni gli altri, a pregare e a dare prova di coraggio perché l’odio e l’ingiustizia non diventino legge nella nostra regione, culla della civiltà».

Acque di Sopra e Acque di Sotto

Acque di Sopra e Acque di Sotto

Letture e interpretazioni di testi sacri
Finalmente libera!
Asia Naurīn Bibi, Anne-Isabelle Tollet

Finalmente libera!

I bambini non perdonano
Vanessa Niri

I bambini non perdonano

Che fine ha fatto l’infanzia al tempo del coronavirus?
Perché la politica non ha più bisogno dei cattolici
Fabio Pizzul

Perché la politica non ha più bisogno dei cattolici

La democrazia dopo il Covid-19