Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia
A Milano, presso l'Auditorium di via Kramer, 5. Il 29 settembre alle 18.00.

Serata su san Francesco e il cibo

29/09/2015  |  Milano
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Nell’imminenza della festa di san Francesco, un incontro di presentazione del libro

Il cibo di Francesco
Anche di pane vive l’uomo

martedì 29 settembre alle 18.00
presso il Museo dei Cappuccini
Auditorium di via Kramer 5 a Milano

 

Intervengono:

• mons. Paolo Martinelli ofm cap., vescovo ausiliare di Milano
• fra Pietro Messa ofm, coautore del libro Il cibo di Francesco (Edizioni Terra Santa, 2015)

Modera Giuseppe Caffulli, direttore delle Edizioni Terra Santa

***

Stando a quanto si racconta di san Francesco d’Assisi, pare che egli non avesse nulla a che fare con il bisogno primario di nutrirsi. Eppure anche nella sua vicenda umana è implicato il cibo: pane, focacce e cereali, erbe selvatiche, verdure e ortaggi, i mostaccioli a base di mandorle, miele e mosto d’uva, ma anche uova, formaggi, carne di maiale con i suoi derivati, pollo, pesce bianco o azzurro e pasticcio di gamberi, il suo preferito.
Sono solo alcuni dei cibi che Francesco impiega per sostentare il suo corpo e che sono raccontati negli episodi di questo libro, desunti dalle fonti francescane. Al di là di un’agiografia austera e mistica, Francesco ci appare come un «sano goloso», un moderato estimatore di buon cibo, che sa apprezzare come dono e segno di letizia e di umile ringraziamento a Dio.

Ingresso libero.

Benediciamo il Signore

Benediciamo il Signore

Preghiere per la mensa
La cucina come una volta
Anna Maria Foli

La cucina come una volta

Storie, segreti e antiche ricette da monasteri e conventi
La didattica dell’IRC tra scuola e Istituti Superiori di Scienze Religiose

La didattica dell’IRC tra scuola e Istituti Superiori di Scienze Religiose

Verso nuovi modelli per la scuola delle competenze
Un nome e un futuro
Firas Lutfi

Un nome e un futuro

La risposta francescana al dramma siriano dei "bambini senza identità"