Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Aprile 2014


di Giorgio Bernardelli

L’eclissi dei profughi siriani

Non ci sono più parole per descrivere il dramma della Siria. O forse siamo noi a non volere più sentire parole su questa guerra terribile di fronte alla quale ci sentiamo impotenti. Fatto sta che persino i profughi e rifugiati, le vittime più indifese di questo conflitto, ormai faticano a bucare i nostri schermi. Far fare notizia ai profughi siriani sta dunque diventando una delle fatiche più quotidiane per chi si occupa di questa emergenza umanitaria. Due storie venute alla ribalta questa settimana ce lo mostrano molto bene.

Maroun Lahham: «In Giordania una Chiesa vivace, fatta di famiglie solide»
Carlo Giorgi, inviato

Maroun Lahham: «In Giordania una Chiesa vivace, fatta di famiglie solide»

«Ad Amman il Papa verrà certamente con il suo sorriso, la sua umiltà, la sua umanità. Nessuno può prevedere cosa dirà: ci farà le sue sorprese…». Così mons. Maroun Lahham, vicario per la Giordania del patriarca latino di Gerusalemme. L'arcivescovo traccia un profilo della Chiesa giordana: solidale e vivace anche in un contesto musulmano che non garantisce la piena libertà religiosa.

Mentre Israele temporeggia Mahmoud Abbas rompe gli indugi e si rivolge all’Onu
Terrasanta.net

Mentre Israele temporeggia Mahmoud Abbas rompe gli indugi e si rivolge all’Onu

A Ramallah davanti alle telecamere della tivù il presidente palestinese ha firmato le richieste d’adesione della Palestina a 15 agenzie delle Nazioni Unite e a vari trattati internazionali, a cominciare dalla Quarta Convenzione di Ginevra sulla protezione dei civili in tempo di guerra. La decisione segnala lo stato di paralisi dei negoziati israelo-palestinesi mediati dagli Usa.

Deir Rafat, un altro santuario cristiano nel mirino dei vandali in Israele
Adélie Pojzman-Pontay

Deir Rafat, un altro santuario cristiano nel mirino dei vandali in Israele

Dei graffiti che offendono la fede cristiana, insieme ad altri che insultano gli Stati Uniti d’America, sono stati tracciati ieri con uno spray nero sul muro di cinta del monastero cattolico di Deir Rafat, pochi chilometri a ovest di Gerusalemme, in territorio israeliano. Il vandalismo sarebbe ancora una volta da attribuire ai coloni estremisti.

La <i>Caritas</i> giordana per i profughi siriani
Carlo Giorgi, inviato

La Caritas giordana per i profughi siriani

Solo il 10 per cento dei siriani che vivono in Giordania (130 mila su un milione e 300 mila) è ospitato in campi profughi. Gran parte degli altri, in fuga da casa e privi di risorse economiche, è dispersa nel Paese e vive in condizioni abitative, sanitarie - e spesso anche umane - pessime. Ad Amman visitiamo uno dei centri Caritas che li assistono.

La Giordania chiede al Papa consolazione
Carlo Giorgi, inviato

La Giordania chiede al Papa consolazione

Il prossimo 24 maggio Papa Francesco sarà in Giordania. Wael Suleiman, direttore esecutivo della Caritas giordana, ci racconta quello che vorrebbe dirgli. Gli parlerebbe di un Paese che si sente schiacciato dai conflitti che infuriano nella regione e che è solo ad affrontare i bisogni di milioni di profughi. Gente che ha visto il male in faccia e ha perso la speranza, anche in Dio.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
I segreti della Natura
Manuela Mariani

I segreti della Natura

Storie in rima di piante e animali
Guida letteraria del vino
Anna Maria Foli

Guida letteraria del vino

Pagine inebrianti dai più grandi scrittori d'ogni tempo e latitudine
Collectanea 54 (2021)

Collectanea 54 (2021)

Studia-documenta
Calendario di Terra Santa 2022 (da tavolo)

Calendario di Terra Santa 2022 (da tavolo)

Gregoriano, giuliano, copto, etiopico, armeno, islamico, ebraico