Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

In nome di Allah

AA.VV.
21 marzo 2014
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
In nome di Allah
Giovani di Gaza prendono parte a un campo di addestramento di Hamas. (foto Abed Rahim Khatib/Flash90)

Capita spesso che i giornali e telegiornali ne parlino, dando per scontato che chi legge o ascolta sappia di cosa si tratta. I nomi sono esotici e hanno a che fare con vicende politiche molto complesse e spesso segnate da guerre e violenza: Hamas, Hezbollah, al-Iwān. A questi termini, che indicano movimenti ben precisi e storicamente collocati, se ne affiancano altri, giunti sulla scena mediatica più di recente: al-Qaeda (tristemente famosa soprattutto per l’attacco alle Torri gemelle dell’11 settembre 2001), i gruppi radicali salafiti. La galassia dell’Islam, combattente o meno, resta però per la gran parte dell’opinione pubblica una sorta di buco nero.

Pur sapendo che la complessità della materia non si presta a facili semplificazioni, cerchiamo in questo dossier di offrire qualche chiave di lettura in merito alle tre principali formazioni attive in Medio Oriente. E alle loro attuali ramificazioni.

I Paesi che vedono impegnate queste organizzazioni, comunemente indicate come islamiche fondamentaliste, sono l’Egitto, il contesto israelo-palestinese, il Libano, la Siria in preda ad una feroce guerra civile. Va detto, per amor del vero, che la galassia fondamentalista islamica è ben più vasta: le formazioni dell’Islam combattente sono attive in diversi Paesi dell’Africa nera (Sudan, Nigeria, Somalia, solo per citare alcuni), nel Vicino e nell’Estremo Oriente (Filippine comprese). Non ne è esente l’Europa (soprattutto caucasica e balcanica) con varie presenze estremistiche jihadiste.

Una costante, in tutti questi contesti: la strumentalizzazione della religione a fini politici, con il ricorso in più casi alla lotta armata e al terrorismo. E il tentativo di giustificare con il nome di Dio progetti di egemonia che poco o nulla hanno a che fare con la sfera del soprannaturale. 

(Questo testo introduce il Dossier di 16 pagine al centro del numero di Terrasanta su carta)

Abbonamenti

Il periodico Terrasanta si rivolge a coloro che intendono approfondire gli aspetti culturali e spirituali della Terra Santa.
Offre articoli su Bibbia, attualità, ecumenismo, archeologia, cultura e dialogo tra le religioni.

Per ricevere il periodico (6 numeri l’anno) la quota d’abbonamento è di 28,00 euro. Disponibile, a 20,00 euro, anche in versione pdf.

Maggiori informazioni
Un saggio di Terrasanta

Vuoi farti un’idea del nostro bimestrale?
Ti mettiamo a disposizione un numero del 2019.
Buona lettura!

Sfoglia il numero
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 ad oggi.

Il file, in formato pdf, consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Scarica il file
I bambini non perdonano
Vanessa Niri

I bambini non perdonano

Che fine ha fatto l’infanzia al tempo del coronavirus?
Perché la politica non ha più bisogno dei cattolici
Fabio Pizzul

Perché la politica non ha più bisogno dei cattolici

La democrazia dopo il Covid-19
Mille e un Marocco
Letizia Gardin

Mille e un Marocco

Mangia Viaggia Ama nel Paese più colorato del mondo