Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Israele e gli immigrati, la dura realtà oltre i talent show

di Giuseppe Caffulli
5 febbraio 2014
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

La vittoria di un immigrato o di un esponente di una minoranza, in un programma musicale o in un reality televisivo, sta diventando quasi una prassi consolidata in Israele. A un primo sguardo, seduti davanti alla tivù, potrebbe sembrare che ormai le minoranze siano accettate a pieno titolo nella società israeliana. Sappiamo invece che non è così.


Di Rose Fostanes ce ne siamo già occupati. Parliamo della collaboratrice domestica filippina che ha stravinto la finale dell’edizione israeliana del talent show X-Factor, cantando con struggente pathos la celeberrima My Way di Frank Sinatra, giusto qualche settimana fa.

La vittoria di un immigrato o di un esponente di una minoranza, in un programma musicale o in un reality televisivo, sta diventando quasi una prassi consolidata in Israele.

Tahuniya, bellissima modella di origine etiope, vinse l’edizione 2013 del Grande Fratello israeliano, uscendo dalla casa osannata e famosa. Sul fronte canoro, un’altra rappresentante della minoranza falasha (gli ebrei di origine etiope), Hagit Yaso, trionfò un paio di anni fa nell’edizione locale di A Star is Born (preso dal format American Idol).

E come possiamo dimenticare Lina Makhoul, araba cristiana, che incantò il pubblico israeliano con la sua voce angelica nel talent show The Voice, vinto nel marzo 2013?

A un primo sguardo, potrebbe sembrare che ormai le minoranze siano accettate a pieno titolo nella società israeliana. Sappiamo invece che (nonostante qualche passo avanti) la strada è ancora lunga. E che i lavoratori stranieri (siano essi filippini, indiani o eritrei) gli immigrati etiopi (che pure sono ebrei dal punto di vista religioso), gli arabi cristiani (che sono cittadini israeliani) non godono tutti di uguali diritti e che subiscono discriminazioni.

Ami Kaufman, per anni giornalista di Haaretz, opinionista radiofonico e analista finanziario tra i più quotati (oltre che attento osservatore del costume), ha affidato alla rete alcune sue amare considerazioni: «Non è la prima volta che gli israeliani hanno votato in massa per una figura appartenente a una minoranza in un talent show televisivo. Ma l’amore che dimostrano praticamente finisce qui. Voglio dire: Rose Fostanes ha vissuto una magnifica serata cantando Sinatra. Ma il mattino successivo i lavoratori illegali e gli immigrati clandestini (anche bambini), hanno continuato ad essere arrestati e deportati dalle autorità israeliane».

La vittoria di Rose segnala una volta di più una situazione paradossale e una delle tante barriere che si elevano solide nel Paese: la Cenerentola filippina con ogni probabilità non potrà fare la cantante professionista. La legge prevede che un lavoratore immigrato straniero non possa cambiare occupazione rispetto a quella per cui ha ricevuto il visto di ingresso. E quindi, se Rose non vuole rischiare di perdere il suo permesso di soggiorno, sarà costretta a cantare solo sotto la doccia. Il tutto in nome della salvaguardia dell’ebraicità del Paese (che non ammette forme d’integrazione per i non ebrei).

Insomma: la televisione (che è uno specchio deformato qui da noi come dalle parti di Gerusalemme) si premura di mostrare gli israeliani pronti ad accogliere i talenti e le prerogative di immigrati e minoranze. A patto che cantino bene e non rivendichino i propri diritti.

(Twitter: @caffulli)

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
La notte di Natale
Papa Francesco

La notte di Natale

Il buon augurio del presepe
La città della speranza
Lesław Daniel Chrupcała

La città della speranza

Incontrare Gerusalemme