Terrasanta.net | Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Neppure il cimitero di Oskar Schindler sfugge ai vandali di Tag Mehir

Terrasanta.net
1 ottobre 2013
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Neppure il cimitero di Oskar Schindler sfugge ai vandali di <i>Tag Mehir</i>
Fra Feras Hejazin, parroco latino di Gerusalemme, durante il sopralluogo di questa mattina davanti al cimitero sul Monte Sion. (foto: Cts/m.a.b.)

La notte scorsa alcuni vandali hanno preso di mira il cimitero della parrocchia latina di Gerusalemme, situato sul Monte Sion. Sui muri è stata tracciata con una bomboletta spray l’ormai ricorrente espressione ebraica Tag Mehir. A sette vetture parcheggiate nei pressi sono state bucate le gomme. Il camposanto ospita anche la tomba di Oskar Schindler.


(Gerusalemme/m.a.b.) – Nella mattinata di oggi, primo ottobre, una chiamata telefonica coglie di sorpresa il parroco di San Salvatore a Gerusalemme, fra Feras Hejazin. Il custode del cimitero della parrocchia latina, situato sul Monte Sion, lo informa che durante la notte sono avvenuti alcuni atti di vandalismo all’ingresso del camposanto. Giunto sul posto il parroco non può che constatare i danni. Sui muri è stata tracciata con una bomboletta spray l’ormai ricorrente espressione ebraica Tag Mehir («Il prezzo da pagare»). Un’altra frase, incompleta, è stata coperta, il che lascia pensare che i vandali siano stati interrotti. In compenso le sette vetture parcheggiate nei pressi del cimitero si sono ritrovate ciascuna con due gomme forate.

Mentre fra Feras è davanti al cimitero un ebreo religioso scopre che neppure la sua macchina è stata risparmiata. «Eppure la conoscono benissimo», lamenta l’uomo, prendendosela con alcuni i vicini residenti sul Monte Sion. «Ho vissuto quarant’anni ad Abu Tor – ha continuato – con dei vicini arabi senza che mai ci fossero incidenti tra noi. Mi rincresce che degli ebrei si lascino andare ad azioni che non li onorano affatto».

La polizia si è recata al cimitero per i rilevamenti, ma non si è pronunciata sulle responsabilità dell’accaduto.

Già il giorno prima, sempre sul Monte Sion, un altro cimitero era stato preso di mira dai vandali, che hanno distrutto una quindicina di lapidi. Quattro responsabili sono stati colti sul fatto e tratti in arresto. Due di loro, secondo il portavoce della polizia Micky Rosenfeld, appartengono ai «giovani delle colline», un gruppo di coloni della Cisgiordania.

«Noi cristiani facciamo parte di questa città e intendiamo continuare a restarvi in pace, morti o vivi che siamo», ha osservato fra Feras. «Questi gruppi estremisti vogliono intimidirci, sabotano i luoghi per sabotare il nostro desiderio di vivere in pace. Ma non ci lasceremo intimidire da chi vorrebbe vederci andare via».

Dopo gli atti di vandalismo alla vicina abbazia della Dormizione nel maggio scorso, gli atti di dissacrazione del cimitero di Jaffa in giugno e la bottiglia molotov lanciata contro il monastero di Beit Jala in agosto, ora anche i cimiteri cristiani di Gerusalemme si aggiungono alla lista.

Nel suo sito Internet istituzionale, la Custodia di Terra Santa «fa appello alle Autorità competenti affinché vengano attivati i mezzi necessari, compresi messaggi convincenti, per mettere fine a simili atti, consentendo a Gerusalemme e tutta la Terra Santa di vivere la propria vocazione: irradiare quella pace che Dio desidera per ogni uomo».

Il cimitero preso di mira la scorsa notte è lo stesso ove ogni anno si recano numerosi ebrei che vogliono rendere omaggio alla tomba di Oskar Schindler, l’industriale tedesco che durante la Seconda guerra mondiale salvò la vita di oltre 1.100 ebrei altrimenti destinati ai campi di sterminio nazista.

Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai al sito dell'Ufficio pellegrinaggi
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
In nome dell’amore
Simone Weil

In nome dell’amore

Investigazioni spirituali su Gesù di Nazaret
«Mangia il pane con gioia, bevi il vino con allegria»

«Mangia il pane con gioia, bevi il vino con allegria»

Letture di testi sacri per vivere insieme
Atti degli apostoli: analisi sintattica
Lesław Daniel Chrupcała

Atti degli apostoli: analisi sintattica

Calendario di Terra Santa 2020 (da tavolo)

Calendario di Terra Santa 2020 (da tavolo)

Gregoriano, giuliano, copto, etiopico, armeno, islamico, ebraico