Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Tel Aviv sotto tiro: «C’è paura ma siamo tranquilli», dice il parroco di Giaffa

Terrasanta.net
20 novembre 2012
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Oggi pomeriggio un razzo lanciato dalla Striscia di Gaza ha raggiunto Rishon LeZion, uno dei sobborghi meridionali di Tel Aviv, centrando un edificio residenziale e causando danni e alcuni feriti. Subito a nord di Rishon LeZion c’è Giaffa, dove sorgono la parrocchia latina e il convento francescano di Sant’Antonio. Parla il parroco, padre Ramzi Sidawi.


(Milano/g.s.) – Nel pomeriggio di oggi un razzo lanciato dalla Striscia di Gaza ha raggiunto Rishon LeZion, uno dei sobborghi meridionali di Tel Aviv, centrando un edificio residenziale e causando danni e alcuni feriti. Subito a nord di Rishon LeZion c’è Giaffa, dove sorgono la parrocchia latina e il convento francescano di Sant’Antonio. È un centro pastorale molto vivace e, potremmo dire, multietnico, perché attorno ad esso gravitano non solo i fedeli arabi locali, ma anche molti lavoratori stranieri di di fede cattolica (asiatici, sud americani, africani, europei).

Abbiamo chiesto al parroco, padre Ramzi Sidawi, di raccontarci in breve se e come la vita della parrocchia risente del clima bellico di questi giorni.

Il frate della Custodia di Terra Santa conferma che la situazione è tesa e la popolazione ha paura: «Viviamo sempre in fiduciosa attesa che la situazione si calmi per il bene di tutta la gente che soffre. Tutto è più difficile per le famiglie che hanno bambini piccoli, che sono i primi a spaventarsi al suono delle sirene».

«Nonostante tutto – racconta il religioso – la nostra comunità è tranquilla. Domenica scorsa durante la Santa Messa delle 18:00 ore israeliane hanno suonato le sirene. Noi abbiamo continuato la celebrazione senza interromperla. Così anche sabato pomeriggio: le sirene d’allarme hanno suonato durante la Messa dei fedeli indiani, ma il sacerdote ha continuato a celebrare in modo ordinario».

Fra Ramzi si dice quasi sorpreso: «Mi aspettavo un forte calo nella partecipazione alle celebrazioni di sabato e domenica, invece è stato molto leggero. La sera si sente che la città è un po’ più calma del solito, forse per paura, forse per via della guerra, o forse per il tempo che è cambiato…».

«Le attività della nostra scuola – conclude il parroco di Sant’Antonio – procedono in modo ordinario. Per ordine della Protezione civile i rifugi devono rimanere aperti, quindi anche da noi. Ieri mattina i ragazzi della scuola hanno effettuato un’esercitazione per prepararsi a riparare nei rifugi in caso d’allarme per essere pronti. Ma sono esercitazioni che si effettuano regolarmente ogni anno…».

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Educare nel tempo della complessità
Mara Borsi

Educare nel tempo della complessità

Paradigmi pedagogici della storia e della contemporaneità
Giornate di archeologia

Giornate di archeologia

Arte e storia del Vicino e Medio Oriente. Atti della VI edizione
Il giardino incantato
Carlo Grande

Il giardino incantato

Un viaggio dell’anima dalle Alpi occidentali alle colline delle Langhe e del Monferrato
Giovanni

Giovanni

Nuova traduzione ecumenica commentata