Terrasanta.net | Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Tornano i vandali. Stavolta tocca al villaggio di Nevé Shalom – Wahat al-Salam

Terrasanta.net
8 giugno 2012
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Tornano i vandali. Stavolta tocca al villaggio di <i>Nevé Shalom – Wahat al-Salam</i>
Alcune delle auto danneggiate dai vandali la notte tra il 7 e 8 giugno nel villaggio di Nevé Shalom - Wahat al-salam.

Per la prima volta nella sua storia, Nevé Shalom - Wahat al-salam («Oasi di pace», in lingua ebraica e araba), lo storico villaggio israeliano in cui convivono insieme ebrei ed arabi, cristiani e musulmani, è stato oggetto, la notte scorsa, di un violento attacco razzista.


(Milano/c.g.) – Per la prima volta nella sua storia, Nevé Shalom – Wahat al-salam («Oasi di pace», in lingua ebraica e araba), lo storico villaggio israeliano in cui convivono insieme ebrei ed arabi, cristiani e musulmani, è stato oggetto, la notte scorsa, di un violento attacco razzista.

Secondo quanto racconta il quotidiano israeliano The Jerusalem Post, alcuni vandali di gruppi dell’estrema destra, tra le due e le cinque del mattino hanno raggiunto il villaggio, bucato le gomme di quattordici automobili e scritto slogan anti-arabi sui muri della scuola elementare, su alcuni edifici privati e su tre autovetture.

L’azione dei vandali sembra essere una reazione alla decisione del governo Netanyahu di far sgomberare l’insediamento di Ulpana. Le scritte sui muri e sulle autor recitano infatti: «Vendetta», «Morte agli arabi», «Saluti da Ulpana» e «Saluti da Havat Gilad» (due insediamenti israeliani nei Territori Palestinesi), e «Kahane aveva ragione» (con riferimento a Martin David Kahane, rabbino ortodosso, morto nel 1990, che predicava tra l’altro la necessità di allontanare i cittadini arabi dal territorio di Israele).

«Si tratta di un attacco all’idea stessa che ha dato origine al villaggio – ha commentato Gideon Sulimani, “sindaco” di Nevé Shalom – Wahat al-salam -. Infatti noi siamo la prova che è possibile vivere insieme. Non possiamo però ignorare quel che è successo e non possiamo abituarci a cose del genere. Oggi hanno danneggiato le automobili. La prossima volta potrebbero colpire la gente».

«Hanno agito di notte perché i nostri bambini leggessero le scritte una volta alzati la mattina – ha spiegato Nava Zonenshein, una residente del villaggio, intervistata dal quotidiano Haaretz -. Sono 33 anni che stiamo provando a fare qualcosa per far parlare insieme ebrei e arabi, ma l’onda del razzismo sembra più forte di noi».

È la seconda volta che vandali razzisti attaccano realtà che si occupano di promuovere la coesistenza pacifica. Lo scorso 7 febbraio, infatti, fu attaccata con analoghe scritte sui muri la scuola dell’associazione Hand in hand, a Gerusalemme, che accoglie bambini arabi e israeliani insieme.

Il villaggio di Nevé Shalom – Wahat al-salam è stato fondato nel 1972 dal padre domenicano Bruno Hussar vicino al monastero trappista di Latrun (lungo la strada che collega Tel Aviv e Gerusalemme) e oggi ospita una cinquantina di famiglie arabe ed ebree.

L’Associazione italiana amici di Nevé Shalom – Wahat al-Salam questo pomeriggio ha emesso un comunicato di solidarietà con il villaggio fatto segno degli attacchi: «L’Associazione italiana – si legge nel testo –, sdegnata, condanna la violenza in ogni sua forma e conferma solidarietà e supporto rinnovati al villaggio, realtà educativa necessaria in un contesto di siffatto odio. Il lavoro per il dialogo, i diritti umani, la consapevolezza e la giustizia prosegue invariato e, se possibile, ancora più intensamente».

 

Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai al sito dell'Ufficio pellegrinaggi
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
In nome dell’amore
Simone Weil

In nome dell’amore

Investigazioni spirituali su Gesù di Nazaret
«Mangia il pane con gioia, bevi il vino con allegria»

«Mangia il pane con gioia, bevi il vino con allegria»

Letture di testi sacri per vivere insieme
Atti degli apostoli: analisi sintattica
Lesław Daniel Chrupcała

Atti degli apostoli: analisi sintattica

Calendario di Terra Santa 2020 (da tavolo)

Calendario di Terra Santa 2020 (da tavolo)

Gregoriano, giuliano, copto, etiopico, armeno, islamico, ebraico