Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Tornano i vandali. Stavolta tocca al villaggio di Nevé Shalom – Wahat al-Salam

Terrasanta.net
8 giugno 2012
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Tornano i vandali. Stavolta tocca al villaggio di <i>Nevé Shalom – Wahat al-Salam</i>
Alcune delle auto danneggiate dai vandali la notte tra il 7 e 8 giugno nel villaggio di Nevé Shalom - Wahat al-salam.

Per la prima volta nella sua storia, Nevé Shalom - Wahat al-salam («Oasi di pace», in lingua ebraica e araba), lo storico villaggio israeliano in cui convivono insieme ebrei ed arabi, cristiani e musulmani, è stato oggetto, la notte scorsa, di un violento attacco razzista.


(Milano/c.g.) – Per la prima volta nella sua storia, Nevé Shalom – Wahat al-salam («Oasi di pace», in lingua ebraica e araba), lo storico villaggio israeliano in cui convivono insieme ebrei ed arabi, cristiani e musulmani, è stato oggetto, la notte scorsa, di un violento attacco razzista.

Secondo quanto racconta il quotidiano israeliano The Jerusalem Post, alcuni vandali di gruppi dell’estrema destra, tra le due e le cinque del mattino hanno raggiunto il villaggio, bucato le gomme di quattordici automobili e scritto slogan anti-arabi sui muri della scuola elementare, su alcuni edifici privati e su tre autovetture.

L’azione dei vandali sembra essere una reazione alla decisione del governo Netanyahu di far sgomberare l’insediamento di Ulpana. Le scritte sui muri e sulle autor recitano infatti: «Vendetta», «Morte agli arabi», «Saluti da Ulpana» e «Saluti da Havat Gilad» (due insediamenti israeliani nei Territori Palestinesi), e «Kahane aveva ragione» (con riferimento a Martin David Kahane, rabbino ortodosso, morto nel 1990, che predicava tra l’altro la necessità di allontanare i cittadini arabi dal territorio di Israele).

«Si tratta di un attacco all’idea stessa che ha dato origine al villaggio – ha commentato Gideon Sulimani, “sindaco” di Nevé Shalom – Wahat al-salam -. Infatti noi siamo la prova che è possibile vivere insieme. Non possiamo però ignorare quel che è successo e non possiamo abituarci a cose del genere. Oggi hanno danneggiato le automobili. La prossima volta potrebbero colpire la gente».

«Hanno agito di notte perché i nostri bambini leggessero le scritte una volta alzati la mattina – ha spiegato Nava Zonenshein, una residente del villaggio, intervistata dal quotidiano Haaretz -. Sono 33 anni che stiamo provando a fare qualcosa per far parlare insieme ebrei e arabi, ma l’onda del razzismo sembra più forte di noi».

È la seconda volta che vandali razzisti attaccano realtà che si occupano di promuovere la coesistenza pacifica. Lo scorso 7 febbraio, infatti, fu attaccata con analoghe scritte sui muri la scuola dell’associazione Hand in hand, a Gerusalemme, che accoglie bambini arabi e israeliani insieme.

Il villaggio di Nevé Shalom – Wahat al-salam è stato fondato nel 1972 dal padre domenicano Bruno Hussar vicino al monastero trappista di Latrun (lungo la strada che collega Tel Aviv e Gerusalemme) e oggi ospita una cinquantina di famiglie arabe ed ebree.

L’Associazione italiana amici di Nevé Shalom – Wahat al-Salam questo pomeriggio ha emesso un comunicato di solidarietà con il villaggio fatto segno degli attacchi: «L’Associazione italiana – si legge nel testo –, sdegnata, condanna la violenza in ogni sua forma e conferma solidarietà e supporto rinnovati al villaggio, realtà educativa necessaria in un contesto di siffatto odio. Il lavoro per il dialogo, i diritti umani, la consapevolezza e la giustizia prosegue invariato e, se possibile, ancora più intensamente».

 

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Mille e un Marocco
Letizia Gardin

Mille e un Marocco

Mangia Viaggia Ama nel Paese più colorato del mondo
Il cantico della felicità
Khalil Gibran

Il cantico della felicità

Caleidoscopio sulla pace del cuore
Chiamati a libertà
Silvano Fausti

Chiamati a libertà

L'ultima parola di un profeta del nostro tempo
Guida letteraria del mondo

Guida letteraria del mondo

Pagine di viaggio dai più grandi scrittori d'ogni tempo e latitudine