Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

La preziosa (e delicata) arte del compromesso

mons. David M. Jaeger ofm
16 maggio 2012
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

«Umanità», «ragionevolezza», «onorabilità», «lungimiranza»: sono trascorsi dieci anni da quando mi trovavo ad invocarle, sempre di nuovo e molte volte al giorno, per trentanove giorni, senza sosta, nei comunicati, nelle dichiarazioni, nelle interviste, alle agenzie, ai giornali, alle televisioni, da portavoce ufficiale della Custodia di Terra Santa; mentre i confratelli frati minori, assieme alle suore «minime», si trovavano sotto assedio nel complesso del santuario della Natività a Betlemme (dal 2 aprile al 10 maggio 2002 – ndr), rischiando di essere bersaglio in qualsiasi momento del fuoco incrociato tra l’esercito che circondava la basilica e gli uomini armati che vi si erano rifugiati.

La storia è ben conosciuta, particolarmente il sereno eroismo dei francescani che, nonostante le fortissime pressioni in tal senso, perseveravano al loro posto, e si rifiutavano di abbandonare il Luogo Santo. 

Dal primo momento, in pubblico come in privato, ho cercato a nome della Custodia di far vedere a tutti che non era difficile risolvere la situazione pacificamente e onorabilmente, se solo si fosse accettato, da una parte e dall’altra, di non poter «vincere», e di dover invece acconsentire a un ragionevole «compromesso». Cercavo di spiegare: il compromesso si ottiene distinguendo nelle richieste delle parti tra l’irrinunciabile e il tollerabile.

Nel caso, l’irrinunciabile per l’esercito era di allontanare gli uomini armati dal teatro dei combattimenti, e per gli uomini armati di non essere catturati e sottoposti inermi alla prigionia a tempo indeterminato.  Un salvacondotto perché questi si potessero trasferire nella Striscia di Gaza, allora governata dall’Autorità palestinese, avrebbe assicurato il risultato agli uni e agli altri, a prezzo di rinunce nei limiti del tollerabile: l’esercito avrebbe receduto dal catturare e interrogare i «ricercati», ma li avrebbe comunque esclusi da future azioni in zona, «punendoli» inoltre con l’allontanamento dalle loro case; gli uomini armati avrebbero accettato di non rientrare a casa e di non riprendere la loro vita «al secolo», chissà fino a quando. Ma sarebbero comunque rimasti liberi, sani e salvi, in mezzo a loro connazionali, e non in prigionia.

Più di così nessuna delle parti in gioco poteva sperare di ottenere, insistevo: l’esercito non li avrebbe mai lasciati semplicemente tornare a casa, con le loro armi, come se nulla fosse, ed essi non si sarebbero mai arresi; il rischio era che finisse tutto con un orrendo bagno di sangue, proprio nel Santuario del Bambino Gesù. Mi sembrava evidente. Eppure si faticava senza risultato.

Finché la Casa Bianca non intervenne con decisione per imporre essenzialmente lo stesso compromesso che la Custodia aveva proposto dagli inizi della crisi. Ma non potevano le parti contendenti darci ascolto prima, ed uscirne tutte e due molto meglio?

Nella storia del conflitto in corso in Terra Santa quello dell’assedio alla Natività è stato un episodio, ormai chiuso da un decennio. Ma di fronte ai tanti conflitti umani inutili che insanguinano la faccia della terra, ci viene da pensare: quanta sofferenza il genere umano avrebbe potuto (e potrebbe) risparmiarsi se solo avesse imparato la preziosa arte del compromesso.

Abbonamenti

Per ricevere la rivista Terrasanta (6 numeri all’anno) la quota d’abbonamento è di 32,00 euro. Disponibile, a 22,00 euro, anche la versione digitale in formato pdf.

Maggiori informazioni
Un saggio di Terrasanta

Vuoi farti un’idea del nostro bimestrale?
Ti mettiamo a disposizione un numero del 2021.
Buona lettura!

Sfoglia il numero
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 al 2021.

Il file consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Consulta l'indice
RICETTE D’ORIENTE – Le religioni a tavola
Anna Maria Foli

RICETTE D’ORIENTE – Le religioni a tavola

Le religioni a tavola
L’amaro l’offrite voi?
Bernardo De Luca

L’amaro l’offrite voi?

Avventori e avventure di un ristoratore romano a Roma
Il Presepe nell’arte – II edizione
Rosa Giorgi

Il Presepe nell’arte – II edizione

Viaggio nell’iconografia della Natività