Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.

Il Museo di Israele a casa vostra con Google

Terrasanta.net
10 maggio 2012
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Il Museo di Israele a casa vostra con <i>Google</i>
Alcuni dei reperti del Museo di Israele esposti nelle teche digitali del Google Art Project.

Dal mese scorso anche il Museo di Israele è entrato a far parte del progetto Google Art, lanciato nel febbraio 2011 dal celebre marchio statunitense. L’iniziativa coinvolge attualmente 151 musei da 40 Paesi del mondo. Dal bacino mediorientale aderiscono per il momento solo il museo israeliano e due istituzioni del Qatar.


(Milano/g.s.) – Dal 3 aprile scorso anche il Museo di Israele, di Gerusalemme, è entrato a far parte del progetto Google Art, lanciato nel febbraio 2011 dal celebre marchio statunitense, tra i più noti protagonisti della Rete.

L’iniziativa coinvolge attualmente 151 musei da 40 Paesi del mondo. Dal bacino mediorientale aderiscono per il momento solo il museo israeliano e due istituzioni del Qatar. Complessivamente chi accede al sito del Progetto può vedere da vicino, sia pure virtualmente, oltre 30 mila tra reperti archeologici ed opere d’arte d’ogni epoca. Ognuna può essere osservata ingrandendo la fotografia ad alta risoluzione che la rappresenta, per esaminare i particolari più minuti. Ciascun utente può poi creare una propria «galleria privata» assemblando opere di suo gusto esposte in varie parti del mondo.

Naturalmente ogni museo mette a disposizione online soltanto una selezione delle sue collezioni. Nel caso del Museo di Israele sono 520 i reperti esposti sulla piattaforma offerta da Google (e visualizzati al meglio con browser come Chrome o Mozilla Firefox). Si va da manufatti di civiltà mediorientali pre-cristiane, a monili od oggetti liturgici tipici del giudaismo, fino alle opere di pittori e scultori moderni noti (Cezanne, Monet, Gauguin…) e meno noti.

Il connubio tra il Museo di Israele e Google ha già dato vita lo scorso anno a un progetto unico al mondo: la digitalizzazione e pubblicazione dei Rotoli del Mar Morto, rinvenuti a Qumran nel secolo scorso e custoditi in un padiglione del Museo appositamente costruito. Gli esperti della materia hanno così a disposizione sulla propria scrivania un materiale prima d’ora non così accessibile.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
La città della speranza
Lesław Daniel Chrupcała

La città della speranza

Incontrare Gerusalemme
Una forma di vita secondo il Vangelo
Francesco Patton

Una forma di vita secondo il Vangelo

Schede di riflessione sulla Regola bollata per la formazione permanente in fraternità
L’ebreo di Nazaret
Frédéric Manns

L’ebreo di Nazaret

Indagine sulle radici del cristianesimo
Gesù per le strade
Magdeleine di Gesù

Gesù per le strade