Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Un gesto di penitenza per chiedere conversione e pace

l'editoriale
8 marzo 2012
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Quale senso può avere oggi il digiuno per i cristiani? Come crescere nella comunione, educandoci a rinunciare all’avidità e alla bramosia di possesso?

La lettera pastorale del patriarca di Gerusalemme Fouad Twal, pubblicata in occasione della Quaresima, ha il merito di toccare un argomento che certamente gode oggi minor popolarità (rispetto ad altri) nelle nostre comunità cristiane e che merita invece di essere sottolineato. «Per noi peccatori, costantemente esposti ai fallimenti – scrive il patriarca – il digiuno è un modo efficace per dimostrare il nostro pentimento e il nostro desiderio di riparare il male compiuto. (…) Gesù ci ha presentato il modo di digiunare e di fare l’elemosina: nella segretezza e nella discrezione, senza ostentazione (cfr. Mt 6, 3-4), senza mostrare la mortificazione (cfr. Mt 6, 16) (…)».

L’invito che il patriarca rivolge alla comunità cristiana locale, ma che può essere esteso a tutti coloro che nelle Chiese locali sparse per il mondo si sentono in stretto rapporto con la Chiesa madre di Gerusalemme, è quello di trasformare il digiuno quaresimale, oltre che in un percorso di «conversione del cuore», anche in una richiesta di pace per la Terra Santa e il Medio Oriente. «Il Signore ci chiede di lavorare per la pace, ed è contento se lo facciamo con mitezza e dolcezza (cfr Mt 5, 3 e 9). Prima della sua Passione, Egli disse ai suoi discepoli: “Vi lascio la pace, vi do la mia pace” (Gv 14, 27). Nel suo corpo crocifisso sulla croce, Gesù ha abolito il muro di separazione tra i popoli (cfr Ef 2, 14), facendo la pace. È questa pace che desideriamo raggiungere, per grazia di Dio, e per questo offriamo le nostre preghiere, il nostro digiuno, la nostra penitenza».

Come ricevere l'Eco

Il tabloid Eco di Terrasanta viene spedito a tutti coloro che sono interessati ai Luoghi Santi e che inviano un’offerta, o fanno una donazione, a favore delle opere della Custodia di Terra Santa.

Maggiori informazioni
Sfoglia l'Eco

Se non hai mai avuto modo di leggere Eco di Terrasanta, ti diamo la possibilità di sfogliare un numero del 2019.
Buona lettura!

Clicca qui
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
Il cantico della felicità
Khalil Gibran

Il cantico della felicità

Caleidoscopio sulla pace del cuore
Chiamati a libertà
Silvano Fausti

Chiamati a libertà

L'ultima parola di un profeta del nostro tempo
Guida letteraria del mondo

Guida letteraria del mondo

Pagine di viaggio dai più grandi scrittori d'ogni tempo e latitudine
Il libro delle preghiere che guariscono

Il libro delle preghiere che guariscono

Le parole che curano e consolano da tutte le fedi e le culture