Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Mangiare e bere secondo la Torah

Elena Lea Bartolini De Angeli
27 gennaio 2012
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Prima di mangiare e bere, l’uomo ha due cuori; dopo aver mangiato e bevuto non ne ha che uno». Con questa affermazione il Talmud Babilonese (Baba Bathra 12b) sottolinea che lo stomaco vuoto, quindi la fame, ha un’azione perturbatrice sullo spirito strettamente connesso al corpo, del quale il cuore è centro unificatore. Ciò non significa incentivare la dissolutezza alimentare, poiché nella Torah – l’insegnamento divino rivelato al Sinai – non solo si insegnano la moderazione e il giusto equilibrio, ma si indica anche cosa è adatto all’alimentazione e cosa invece va evitato (cfr Lv 11,1ss.). A partire dalle indicazioni bibliche, la tradizione ha elaborato una serie di norme, definita kasherut, per indicare ciò di cui l’ebreo può o non può cibarsi, precisandone anche le modalità di assunzione. Si tratta di è un vero e proprio regime di vita che invita a scegliere con attenzione e discernimento ciò che si mangia. Mentre per i vegetali non ci sono particolari restrizioni, per quanto riguarda gli animali sono considerati kasher, «adatti», i pesci con pinne e squame; i quadrupedi che ruminano e hanno l’unghia fessa (come ovini e bovini); gli uccelli di quasi tutte le specie – purché non rapaci – e il pollame. È prevista anche una procedura particolare di macellazione per far soffrire il meno possibile l’animale di cui ci si ciba, così come è necessaria la tecnica della «salatura» per privare la carne macellata di tutto il sangue visibile, elemento ricondotto alla dimensione spirituale. Inoltre non è possibile consumare carne e latticini nello stesso pasto, poiché la Torah prescrive di non mangiare «il capretto con il latte della madre» (cfr Es 23,19), e tale separazione fra i cibi comporta anche l’uso di pentole, stoviglie e posate diverse che – fra i più osservanti – può arrivare anche a frigoriferi separati, doppio lavello e doppia lavastoviglie.

Sottesi all’articolata e complessa kasherut vi sono alcuni valori importanti: ciò che Dio ha creato è per l’uomo, tuttavia va utilizzato con rispetto, soprattutto se implica la soppressione fisica, come nel caso della macellazione; anche il divieto di unire carne e latte rimanda alla sacralità della vita, di cui il latte è simbolo, mentre la carne rimanda alla morte inevitabilmente inflitta all’animale macellato, «vita» e «morte» pertanto non possono essere presenti insieme sulla tavola. A tale proposito, Maimonide – grande medico, filosofo ed ermeneuta ebreo del XII sec. – sosteneva che tutto ciò che la Torah vieta risulta in qualche modo nocivo al corpo, e di conseguenza anche allo spirito, come ribadito, circa mezzo secolo più tardi, anche dal grande Nacmanide. Per esempio: mangiare un animale rapace significa rischiare di assimilarne la «rapacità» oltre che le eventuali infezioni derivanti dalla sua alimentazione malsana.

Andando oltre il significato strettamente religioso, ci si accorge che questa è un’alimentazione «salutistica»: non mangiare molluschi e crostacei evita infezioni gastrointestinali, non unire carne e latte significa migliorare la digestione, e gli esempi potrebbero continuare. Questo è uno dei modi con cui il Signore ha chiesto al popolo di Israele di «essere santo», c’è tuttavia un interessante spazio di confronto per chi, non obbligato a ciò in quanto non ebreo, è comunque alla ricerca di un percorso di vita sano. L’uomo è ciò che mangia? Su questo si può discutere, in ogni caso essere consapevoli del valore soggiacente ad ogni scelta alimentare può migliorare la qualità della vita.

Abbonamenti

Il periodico Terrasanta si rivolge a coloro che intendono approfondire gli aspetti culturali e spirituali della Terra Santa.
Offre articoli su Bibbia, attualità, ecumenismo, archeologia, cultura e dialogo tra le religioni.

Per ricevere il periodico (6 numeri l’anno) la quota d’abbonamento è di 28,00 euro. Disponibile, a 20,00 euro, anche in versione pdf.

Maggiori informazioni
Un saggio di Terrasanta

Vuoi farti un’idea del nostro bimestrale?
Ti mettiamo a disposizione un numero del 2019.
Buona lettura!

Sfoglia il numero
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 ad oggi.

Il file, in formato pdf, consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Scarica il file
Archivio Storico

Nel 2021 la rivistaTerrasanta compirà cent’anni.

Volete scoprire com’eravamo agli inizi?

Mettiamo a vostra disposizione le prime cinque annate de La Terra Santa (1921-1925) in formato digitale.

Vai all'archivio
Pedalande
Beatrice Filippini

Pedalande

In solitaria su una bici pieghevole dalla Colombia alla Terra del Fuoco
I verbi di Dio – edizione economica
Carlo Maria Martini

I verbi di Dio – edizione economica

Con riflessioni sui miracoli di Gesù e sul sogno di un'esistenza alternativa
L’armadio del cuore – edizione economica
MichaelDavide Semeraro

L’armadio del cuore – edizione economica

Lo straordinario potere del riordino interiore 
La verità nell’amore – seconda edizione
Luigi Padovese

La verità nell’amore – seconda edizione

Omelie e scritti pastorali di mons. Luigi Padovese (2004-2010)