Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

I piccoli fotografi di Askar

Terrasanta.net
24 gennaio 2012
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
I piccoli fotografi di Askar
Uno degli scatti della mostra.

È in corso presso Belgravia Librerie, a Torino, la mostra "Obiettivo Askar" che propone 42 fotografie scattate da un gruppo di bambini palestinesi coinvolti in un originale laboratorio nel campo profughi di Askar, vicino a Nablus (Cisgiordania). Il progetto, realizzato con il contributo del Centro interculturale della Città di Torino, è stato seguito sul campo da quattro universitari torinesi.


(Milano/c.t.) – È in corso presso Belgravia Librerie, a Torino, la mostra Obiettivo Askar che propone 42 fotografie scattate da un gruppo di  bambini palestinesi coinvolti in un originale laboratorio nel campo profughi di Askar, vicino a Nablus (Cisgiordania).

Il progetto, realizzato con il contributo del Centro interculturale della Città di Torino, è stato seguito sul campo da quattro universitari torinesi: Andrea Bigio, Mariachiara Dellora, Eleonora Larotella e Ilaria Zomer che hanno lavorato coi bambini di Askar raccolti presso il Dar Al Fonun («Casa degli artisti»).

L’idea era quella di aiutare i bambini palestinesi a guardare la loro terra con occhi diversi, liberi dalle tensioni e dalle barriere fisiche e psicologiche che gravano su chi vive in un campo profughi. E ci sono riusciti. «È stata un’occasione per far riscoprire il campo ai  piccoli abitanti in modo che potessero raccontarlo – spiega Mariachiara Dellora – e il risultato non è solo una mostra, bensì una narrazione sociale di un campo profughi palestinese».

Dal 26 luglio al 15 agosto 2010 i bambini dai 10 ai 14 anni del campo di Askar hanno colto immagini molto particolari, secondo sei tematiche: la natura, la strada, lo sguardo, la società, il paesaggio, la libertà. Un fiore che si fa largo tra il cemento, le olive nascoste tra le spine, lo sguardo curioso di un bambino, un salto nel vuoto abbracciati… foto coloratissime che i giovani torinesi hanno saputo raccogliere e presentare, con la supervisione scientifica della professoressa Ada Lonni dell’Università di Torino.

La mostra, che resterà aperta fino al 4 febbraio presso Belgravia Librerie, è disponibile gratuitamente per parrocchie, scuole, associazioni che volessero far conoscere questo scorcio del mondo palestinese. Le curatrici sono altrettanto disponibili a intervenire per presentare la loro esperienza coi bambini al campo profughi.

Per informazioni: tel. 011 44.29.752, email: centroic@comune.torino.it

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Finalmente libera!
Asia Naurīn Bibi, Anne-Isabelle Tollet

Finalmente libera!

I bambini non perdonano
Vanessa Niri

I bambini non perdonano

Che fine ha fatto l’infanzia al tempo del coronavirus?
Perché la politica non ha più bisogno dei cattolici
Fabio Pizzul

Perché la politica non ha più bisogno dei cattolici

La democrazia dopo il Covid-19