Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Torino, nuova luce per gli scavi di Schiaparelli

Terrasanta.net
21 maggio 2011
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Torino, nuova luce per gli scavi di Schiaparelli
Un ritratto di Ernesto Schiaparelli.

Il Museo Egizio di Torino ha presentato un nuovo allestimento dedicato agli scavi di Assiut e Gebelein, realizzati da Ernesto Schiaparelli tra il 1905 e il 1920. I reperti legati agli scavi effettuati dall’archeologo piemontese, precedentemente esposti nell’ala sotterranea, hanno trovato una precisa collocazione in una sala al primo piano che li valorizza maggiormente.


Il Museo Egizio di Torino ha presentato un nuovo allestimento dedicato agli scavi di Assiut e Gebelein, realizzati da Ernesto Schiaparelli tra il 1905 e il 1920. I reperti legati agli scavi effettuati dall’archeologo piemontese, precedentemente esposti nell’ala sotterranea, hanno trovato una precisa collocazione in una sala al primo piano che li valorizza maggiormente e ne facilita l’osservazione.

Laureatosi in lettere, Ernesto Schiaparelli perfezionò i suoi studi sotto la guida del grande egittologo Gaston Maspero alla Sorbona di Parigi. È stato direttore della Sezione Egizia del Museo archeologico nazionale di Firenze dal 1881 al 1893. Docente universitario, il 18 settembre 1924 fu nominato senatore del Regno d’Italia. Dal 1894 e fino alla morte, avvenuta il 14 febbraio 1928, diresse il Museo egizio di Torino. Tra le sue scoperte più importanti in numerose campagne di scavi, la tomba della regina Nefertari e dell’architetto Kha, nella necropoli di Tebe.

In Terra Santa Schiaparelli lega il suo nome soprattutto alla fondazione dell’Associazione nazionale per il soccorso dei missionari italiani, opera filantropica ancora oggi attiva sia nel settore dell’assistenza ai pellegrini che in quello del sostegno alle opere della Chiesa. Anche per questa ragione la valorizzazione della sua figura di studioso nella sua città natale non può che essere salutata con favore.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Uomo come gli altri
Antonio Torresin

Uomo come gli altri

Riflessioni sulla laicità di Gesù
I segreti della Natura
Manuela Mariani

I segreti della Natura

Storie in rima di piante e animali
Guida letteraria del vino
Anna Maria Foli

Guida letteraria del vino

Pagine inebrianti dai più grandi scrittori d'ogni tempo e latitudine
Collectanea 54 (2021)

Collectanea 54 (2021)

Studia-documenta