Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Il primato della politica, vera strada della pace

padre David M. Jaeger ofm
26 gennaio 2011
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Anni addietro, forse un decennio fa, fui invitato a tenere una conferenza all’Ordine dei dottori commercialisti in un capoluogo di provincia, e scelsi come argomento il primato della politica rispetto all’economia. Da allora me ne convinco sempre più. Non è difficile intuire e sostenere tale primato già a livello di principio, a priori. L’«economia» infatti non è una scienza naturale, e neppure un ordinamento autonomo o auto-sufficiente, ma semplicemente il modo in cui gli uomini, quindi le società umana, organizzano la loro casa (oikos), secondo le priorità di ciascuno. Per cui, prima si deve decidere quali siano i bisogni da soddisfare, quali gli obiettivi da raggiungere, quali i principi cui attenersi – questa è «la politica» – poi si passano in rassegna le risorse a disposizione e si ordina l’impiego delle risorse in funzione delle risposte date ai quesiti sopra recensiti – e questa è l’economia. Anteporre l’economia alla politica sarebbe perciò privo di senso. L’uditorio di commercialisti, prevalentemente di formazione democristiana, era più che d’accordo.

Di questa verità ora se ne starebbe rendendo conto l’Europa, e specialmente l’Eurozona. Si era creduto di unificare innanzitutto l’economia, e specie la sua dimensione monetaria, come per esautorare la politica e risparmiarsi così il faticoso processo della sua democratica unificazione. Le iterate crisi subite da singoli Paesi, con eventuali pesanti ricadute su tutti e sull’insieme, hanno messo in evidenza le insufficienze di tali scorciatoie. Non mi si fraintenda, sono europeista convinto e deciso a sperare nel superamento di tali difficoltà, un superamento che però – per essere stabile – richiede di riconoscere finalmente la priorità dell’unione politica, alla quale si arriva con gli strumenti della democrazia, e cioè con l’«accordarsi».

Ci si potrà chiedere il perché di questo intervento riguardante un campo lontano dalla Terra Santa. Dobbiamo al lettore una risposta adeguata.

Anche in Terra Santa c’è stato chi ha pensato, a più riprese, di far precedere la pace tra le due nazioni che vi abitano, quindi l’accordo politico, dallo sviluppo economico dei Territori Palestinesi, come se esso fosse sostenibile a lungo raggio anche in assenza di un trattato di pace. Si è parlato di «pace economica». Ebbene, in verità non si vede come si possa fare. Come ha dimostrato la seconda intifada e la corrispondente repressione (2000-2003), seguite ad anni di crescenti ingenti investimenti nei Territori, andati poi in fumo o seppelliti sotto le macerie dai combattimenti, la sola economia non basterebbe. Un autentico sviluppo economico non può sussistere senza la più ampia libertà di movimento per le persone e le merci, senza la certezza del diritto e dei diritti, senza la tutela sia della proprietà che del lavoro – tutti requisiti che non si possono prevedere presenti nella condizione di territori sotto «occupazione belligerante». In altre parole, è la pace politica che crea le condizioni per il progresso economico, che diversamente rischia di risultare solo effimero.

È bene che ce lo ricordiamo in questi giorni, in cui la ricerca della pace sembra non più appassionata, ma alquanto spenta dal cumulo delle successive delusioni. Forse forse, chissà, quando queste parole saranno lette, la situazione sarà decisamente cambiata in meglio, e voglia Dio che non si cambi in peggio. Rimane comunque questo modesto consiglio agli addetti ai lavori e a chi i lavori riferisce e commenta: di non illudersi circa l’insostituibilità anche qui, e soprattutto qui, della politica.

Abbonamenti

Il periodico Terrasanta si rivolge a coloro che intendono approfondire gli aspetti culturali e spirituali della Terra Santa.
Offre articoli su Bibbia, attualità, ecumenismo, archeologia, cultura e dialogo tra le religioni.

Per ricevere il periodico (6 numeri l’anno) la quota d’abbonamento è di 28,00 euro. Disponibile, a 20,00 euro, anche in versione pdf.

Maggiori informazioni
Un saggio di Terrasanta

Vuoi farti un’idea del nostro bimestrale?
Ti mettiamo a disposizione un numero del 2019.
Buona lettura!

Sfoglia il numero
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 ad oggi.

Il file, in formato pdf, consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Scarica il file
Archivio Storico

Nel 2021 la rivistaTerrasanta compirà cent’anni.

Volete scoprire com’eravamo agli inizi?

Mettiamo a vostra disposizione le prime cinque annate de La Terra Santa (1921-1925) in formato digitale.

Vai all'archivio
Sorella anima
David-Marc d’Hamonville

Sorella anima

Alla scoperta di una interiorità possibile
La notte di Natale
Papa Francesco

La notte di Natale

Il buon augurio del presepe