Terrasanta.net | Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Arabi israeliani. Tra identità e lealtà

Giorgio Bernardelli
22 novembre 2010
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Arabi israeliani. Tra identità e lealtà
Uomini arabi sulla gradinata della Porta di Damasco, a Gerusalemme. (foto: M. Gottardo)

Sono un milione e mezzo. Vale a dire oggi un cittadino israeliano ogni cinque. Sono stati i primi a riconoscere lo Stato d’Israele, già trent’anni prima dello storico viaggio a Gerusalemme del presidente egiziano Anwar  Sadat. Eppure nella società israeliana di oggi sono sempre più spesso additati come potenziali e pericolose «quinte colonne» del nemico. Loro stessi si sentono sempre più a disagio in un Paese dove il ritornello sull’identità giudaica dello Stato si fa ogni giorno più insistente. Anche se poi

i loro figli – di fatto – parlano l’ebraico molto meglio dell’arabo. È dentro alla frontiera estremamente complessa della comunità arabo israeliana che proviamo ad addentrarci attraverso queste pagine.  Un mondo sempre più al centro di polemiche incandescenti a Gerusalemme.

È un viaggio dentro a quella che avrebbe potuto essere una comunità-ponte tra Israele e la Palestina e invece si ritrova ogni giorno di più a vivere sulla propria pelle le contraddizioni di questo conflitto. Un’ulteriore occasione per guardare al Medio Oriente senza fermarsi alle semplificazioni. Da tempo parliamo tutti dei due Stati per due popoli come la soluzione magica che risolverà ogni cosa. E invece proprio la questione degli arabi israeliani sta lì a ricordare che la pace ha bisogno di qualcosa di un po’ più forte di un accordo su una mappa. Perché alla fine – anche in Medio Oriente – è sulla questione del rapporto tra identità e diritti delle minoranze che si misura la capacità di vivere davvero insieme.

(Questo testo è l’Introduzione del Dossier centrale di 16 pagine del bimestrale Terrasanta)

Abbonamenti

Il periodico Terrasanta si rivolge a coloro che intendono approfondire gli aspetti culturali e spirituali della Terra Santa.
Offre articoli su Bibbia, attualità, ecumenismo, archeologia, cultura e dialogo tra le religioni.

Per ricevere il periodico (6 numeri l’anno) la quota d’abbonamento è di 28,00 euro. Disponibile, a 20,00 euro, anche in versione pdf.

Maggiori informazioni
Archivio Storico

Nel 2021 la rivistaTerrasanta (fino al 2005 La Terra Santa) compirà cent’anni.

Volete scoprire com’eravamo agli inizi?

Mettiamo a vostra disposizione le prime cinque annate (1921-1925) in formato digitale.

Vai all'archivio
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 ad oggi.

Il file, in formato pdf, consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Scarica il file
In nome dell’amore
Simone Weil

In nome dell’amore

Investigazioni spirituali su Gesù di Nazaret
«Mangia il pane con gioia, bevi il vino con allegria»

«Mangia il pane con gioia, bevi il vino con allegria»

Letture di testi sacri per vivere insieme
Atti degli apostoli: analisi sintattica
Lesław Daniel Chrupcała

Atti degli apostoli: analisi sintattica

Calendario di Terra Santa 2020 (da tavolo)

Calendario di Terra Santa 2020 (da tavolo)

Gregoriano, giuliano, copto, etiopico, armeno, islamico, ebraico