Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia
Per alcuni numeri, questa pagina di Spiritualità sarà curata dai Piccoli fratelli (fondati da Charles de Foucauld) che vivono a Nazaret. Ecco il loro primo contributo.

Il Padre prima di tutto

fratel Marco Cosini
8 ottobre 2010
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Il Padre prima di tutto
Pinturicchio, Gesù tra i dottori (dettaglio), collegiata di Santa Maria Maggiore, Spello (Perugia)

I Vangeli di Matteo e Luca ci testimoniano che, dopo i fatti legati alla nascita e alla fuga in Egitto, Gesù con la sua famiglia si stabiliscono  a Nazaret, dove il Salvatore vive poi i lunghi anni della sua vita nascosta, accompagnato dalle amorevoli cure dei suoi genitori. Possiamo tranquillamente immaginare Maria e Giuseppe che, attraverso il loro esempio, educano Gesù, lo iniziano alla preghiera in sinagoga e al pellegrinaggio al Tempio, lo accompagnano nella lettura e nell’ascolto della Torah, il libro della Legge di Dio. Possiamo anche immaginare l’infanzia e l’adolescenza di Gesù tra i vicoli di Nazaret e i prati scoscesi delle colline della Galilea, mentre corre e gioca con i suoi amici. A questo proposito, i Vangeli apocrifi sono una fonte da non sottovalutare nella rappresentazione della vita quotidiana della Sacra famiglia.

Nei Vangeli canonici, quando Gesù ha dodici anni, si accende una luce sulla sua vita. Sappiamo di un pellegrinaggio che egli fece con la sua famiglia verso la città santa. Brevi parole, pochi versetti, che però ci descrivono la forte personalità del Figlio di Dio e la chiarezza di idee sulla vita e, per quanto poteva comprendere un dodicenne, della sua identità e missione.

Il  fatto è noto: Gesù, dopo la salita al tempio, si defila dalla colonna di persone che riprendevano il viaggio verso il nord, per rimanere con i dottori del Tempio. Luca ci riporta, sinteticamente, l’episodio mettendo in evidenza l’angoscia dei genitori che non trovano più il loro figlio e si mettono in ricerca di lui, per tre giorni.

«Non sapevate che devo occuparmi delle cose del Padre mio?» (2,49). È la risposta diretta e tagliente di un ragazzino che ribatte al più che lecito rimprovero dei suoi.

Questa scena mette in evidenza la qualità delle relazioni di questa famiglia, fatte di apertura, di confronto e di reciprocità. Emerge con forza, come del resto è stato fin dal primo momento, che non solo Maria e Giuseppe rispondono ad una missione educativa nei confronti di Gesù, ma è pure vero il contrario: Gesù educa e forma i suoi genitori in uno scambio quotidiano, fecondo e fraterno.

Qual è il messaggio che possiamo raccogliere dalle labbra di Gesù dodicenne in questo scorcio di vita familiare? Le sue parole esprimono il primato che il Padre e l’occuparsi di lui, delle sue cose, dovrà avere in tutti i giorni della sua vita. L’unico assoluto, che potrà determinare le sue scelte, il suo cammino, il suo futuro, sarà una persona, il Padre. Niente e nessuno potrà ostacolarlo in questo. Anche le relazioni fondamentali, che, normalmente, tengono in piedi la vita umana, sono relativizzate, sono messe in secondo piano rispetto a quella fondante con Dio. Per Gesù sembra urgente che i suoi genitori comprendano questo.

Se ci spostiamo sul piano della vita di ogni credente, queste dinamiche relazionali all’interno della santa famiglia rivelano la struttura fondamentale della vita umana e costituiscono una traccia ed un obiettivo nel raggiungimento della maturità. L’uomo si presenta come un essere chiamato a «superarsi», a sollevare lo sguardo, per trovare al di fuori di sé e di una semplice dimensione «orizzontale», il senso e il significato del suo esistere.

È profondamente significativo che tutto questo avvenga al Tempio, il luogo che un giorno Gesù, quasi con violenza, richiamerà al suo valore originario, quello della preghiera per porre l’uomo di fronte a ciò che è davvero irrinunciabile: la sua relazione con l’Assoluto.

Il primato del Padre nell’esistenza di Gesù si esprime particolarmente nella preghiera. Nella nostra «vita di Nazaret» l’orazione, la celebrazione dell’Eucaristia, memoriale della Pasqua di Gesù, come anche i momenti prolungati di ritiro, sono elementi essenziali nella ricerca del volto di Dio che nel rivelarsi può creare qualche difficoltà al nostro cuore diviso tra mille cose e mille preoccupazioni, che ancora non ha imparato a mettere al primo posto il Padre.

Come ricevere l'Eco

Il tabloid Eco di Terrasanta viene spedito a tutti coloro che sono interessati ai Luoghi Santi e che inviano un’offerta, o fanno una donazione, a favore delle opere della Custodia di Terra Santa.

Maggiori informazioni
Sfoglia l'Eco

Se non hai mai avuto modo di leggere Eco di Terrasanta, ti diamo la possibilità di sfogliare un numero del 2019.
Buona lettura!

Clicca qui
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
Il cantico della felicità
Khalil Gibran

Il cantico della felicità

Caleidoscopio sulla pace del cuore
Chiamati a libertà
Silvano Fausti

Chiamati a libertà

L'ultima parola di un profeta del nostro tempo
Guida letteraria del mondo

Guida letteraria del mondo

Pagine di viaggio dai più grandi scrittori d'ogni tempo e latitudine
Il libro delle preghiere che guariscono

Il libro delle preghiere che guariscono

Le parole che curano e consolano da tutte le fedi e le culture