Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Volontari di Azione cattolica, un’estate a Betlemme

14/09/2009  |  Roma
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Alcuni volontari rumeni e italiani dell'Azione cattolica, hanno trascorso parte dell'estate a Betlemme, impegnati nell'animazione in favore dei ragazzi. «L'occasione per conoscere gli amici dell'Ac di Betlemme - racconta Codrut Gabriel Morariu, dell'Ac rumena - è stata il pellegrinaggio internazionale dei giovani in Terra Santa promosso dal Fiac a fine dicembre del 2007. In continuità con il pellegrinaggio e con l'impegno dell'Azione cattolica di tutto il mondo verso i cristiani di Terra santa, è nata l'esperienza di animazione con oltre cento bambini di Betlemme».


L’animazione dell’estate ragazzi a Betlemme: è l’esperienza condivisa nei mesi scorsi dai giovani rumeni e italiani del Forum internazionale di Azione cattolica (Fiac) insieme agli amici dell’Ac di Betlemme.

«L’occasione per conoscerci – racconta Codrut Gabriel Morariu, dell’Ac rumena – è stata il pellegrinaggio internazionale dei giovani in Terra Santa promosso dal Fiac a fine dicembre del 2007. In continuità con il pellegrinaggio e con l’impegno dell’Azione cattolica di tutto il mondo verso i cristiani di Terra santa, è nata l’esperienza di animazione con oltre cento bambini di Betlemme».

Codrut, accompagnato da un altro giovane di Cluj, Raluca Fernea, ha trascorso a Betlemme il mese di luglio. Negli stessi giorni, sono arrivati a Betlemme anche Gabriele Pinca e Alessandra Perticoni di Assisi, per inserirsi nel gruppo di volontari della parrocchia coordinati da Vincenzo Bellomo, laico fidei donum della diocesi di Mazara del Vallo. Ad agosto, invece, il testimone è passato a Domenico Montemurro, della Basilicata.

«I ragazzi – racconta Codrut Gabriel – erano divisi in tre gruppi corrispondenti a diverse fasce d’età e "intitolati" a san Francesco, i più piccoli; san Giuseppe, quelli di età intermedia e sant’Antonio, i più grandi». Dopo la preghiera del mattino e dei giochi d’animazione, «i volontari impegnavano i gruppi in attività sotto forma di laboratorio di religione, musica, attività pratiche e giochi di gruppo. Altre attività erano svolte presso il cinema e la piscina».

La sede dell’Azione cattolica di Betlemme, nella realtà di isolamento della città creata dalla costruzione del muro che la cinge e per superare il quale occorrono permessi e lunghi controlli al check-point, rappresenta l’unica struttura in cui è possibile riunirsi per attività di animazione culturale ricreativa. L’Ac di Betlemme la mette a disposizione di tutta la cittadinanza, offrendo anche servizi per le famiglie e gli anziani.

«Le attività per i bambini – aggiunge Codrut – occupavano i volontari dalle 8 alle 12.30; poi il servizio continuava per le famiglie con il bingo, la visione di film, spettacolini e feste serali».

Il sabato, infine, era dedicato a «percorrere Betlemme sui passi di Maria e Giuseppe alla basilica della Natività, la Grotta del latte, il Campo dei pastori». «Bambini e volontari – conclude Codrut – hanno camminato insieme sulle vie della storia, proiettandosi con questo pensiero verso un futuro migliore».

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
La notte di Natale
Papa Francesco

La notte di Natale

Il buon augurio del presepe
La città della speranza
Lesław Daniel Chrupcała

La città della speranza

Incontrare Gerusalemme