Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Video – Benedetto XVI al Monte Nebo

09/05/2009  |  Gerusalemme
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
https://www.youtube.com/embed/yaOhY

Un breve video ci fa rivivere qualche momento della visita di Papa Ratzinger al Monte Nebo, in Giordania, il 9 maggio scorso, prima tappa del pellegrinaggio in Terra Santa. Il Santo Padre è stato accolto nel santuario di proprietà della Custodia di Terra Santa dal ministro generale dei Frati minori, fra José Rodríguez Carballo, e dal Custode, fra Pierbattista Pizzaballa. Dopo un momento di preghiera e un breve discorso, anche Ratzinger si è affacciato - come Mosè - sul panorama della Terra promessa che si estende ai piedi del monte.


Un breve video ci fa rivivere qualche momento della visita di Papa Ratzinger al Monte Nebo, in Giordania, il 9 maggio scorso, prima tappa del pellegrinaggio in Terra Santa. Il Santo Padre è stato accolto nel santuario di proprietà della Custodia di Terra Santa dal ministro generale dei Frati minori, fra José Rodríguez Carballo, e dal Custode, fra Pierbattista Pizzaballa.  Dopo un momento di preghiera e un breve discorso, anche Ratzinger si è affacciato – come Mosè – sul panorama della Terra promessa che si estende ai piedi del monte.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Benediciamo il Signore

Benediciamo il Signore

Preghiere per la mensa
La cucina come una volta
Anna Maria Foli

La cucina come una volta

Storie, segreti e antiche ricette da monasteri e conventi
La didattica dell’IRC tra scuola e Istituti Superiori di Scienze Religiose

La didattica dell’IRC tra scuola e Istituti Superiori di Scienze Religiose

Verso nuovi modelli per la scuola delle competenze
Un nome e un futuro
Firas Lutfi

Un nome e un futuro

La risposta francescana al dramma siriano dei "bambini senza identità"