Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia
Torna l'annuale Giornata di sensibilizzazione e preghiera contro il Muro che divide Israele dai Territori Palestinesi.

Un ponte per Betlemme

01/03/2009  |  Italia
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

A Betlemme, dal primo marzo 2004, c'è un muro di cemento che fa della città natale di Gesù una prigione. Sono passati cinque anni da quel giorno funesto che è solo un episodio tra i molti in tanti decenni di conflitto. La giornata del primo marzo prossimo è per gridare con la preghiera il No alla violenza che crea altra violenza, e il Sì alla possibilità di continuare a vivere insieme in Terra Santa, abbattendo i muri di distruzione e costruendo ponti di condivisione. 


A Betlemme, dal primo marzo 2004, c’è un muro di cemento che fa della città natale di Gesù una prigione. Sono passati cinque anni da quel giorno funesto, ma in questi giorni ricorrono anche 61 anni da quando furono rasi al suolo 418 villaggi palestinesi, 41 dall’inizio dell’occupazione militare israeliana dei Territori Palestinesi e poco più di due mesi dalla campagna militare nella Striscia di Gaza, da quasi due anni stremata dall’embargo e dalla chiusura dei valichi d’accesso decisa da Israele.

Questi eventi sono strettamente correlati e potranno avere fine solo quando terminerà l’occupazione militare israeliana dei Territori palestinesi. 

Intanto il Muro continua ad avanzare, chiudendo nella sua morsa quei pochi passaggi che ancora davano un po’ di speranza e di luce. La terra è ferita e devastata da questo mostro di 730 chilometri. 

Per gridare con la preghiera il No alla violenza che crea altra violenza, e il Sì alla possibilità di continuare a vivere insieme in Terra Santa, abbattendo i muri di distruzione e costruendo ponti di condivisione

domenica 1 marzo 2009
Un ponte per Betlemme
Giornata di sensibilizzazione e preghiera contro il Muro

Una proposta indirizzata a tutte le comunità cristiane e agli uomini e donne di buona volontà per:

Conoscere la realtà della Palestina e di Betlemme in particolare.
Pregare durante la liturgia domenicale e in altre occasioni.

Lo stesso giorno entrerà a Betlemme una marcia silenziosa di pellegrini in Terra Santa dal 27 febbraio al 6 marzo.

L’iniziativa Un Ponte per Betlemme è promossa da: patriarcato latino di Gerusalemme, parrocchie di Betlemme, Beit Jala e Beit Sahour, Centro Al-Liqa per il dialogo interreligioso, Pax Christi Italia, Pattuglia Terrasanta Agesci Toscana, le suore elisabettine del Caritas Baby Hospital.

Per richiesta di materiali e suggerimenti per l’animazione o testimonianze di volontari che hanno conosciuto il dramma degli abitanti di Betlemme scrivere a: nandyno@libero.it

Acque di Sopra e Acque di Sotto

Acque di Sopra e Acque di Sotto

Letture e interpretazioni di testi sacri
Finalmente libera!
Asia Naurīn Bibi, Anne-Isabelle Tollet

Finalmente libera!

I bambini non perdonano
Vanessa Niri

I bambini non perdonano

Che fine ha fatto l’infanzia al tempo del coronavirus?
Perché la politica non ha più bisogno dei cattolici
Fabio Pizzul

Perché la politica non ha più bisogno dei cattolici

La democrazia dopo il Covid-19