Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Nuove leadership per osare la pace

Giuseppe Caffulli
21 gennaio 2009
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Le elezioni che Israele (il 10 febbraio) e l’Autorità Nazionale Palestinese (9 febbraio) si apprestano ad affrontare possono rappresentare un’occasione per far ripartire il processo di pace in Medio Oriente.  Lo ha affermato senza troppi giri di parole Benedetto XVI, nel discorso annuale al corpo diplomatico accreditato presso la Santa Sede, l’8 gennaio scorso. Di fronte alla tragedia di Gaza, che ha mietuto centinaia di vittime (oltre 900, mentre scriviamo) e migliaia di feriti, colpisce il realismo con i quale il Papa (che avrebbe in animo di intraprendere un viaggio in Terra Santa nel mese di maggio) guarda alla crisi in Medio Oriente. L’indicazione è chiara: nell’immediato occorre ripristinare la tregua e rilanciare i negoziati tra israeliani e palestinesi. E in prospettiva serve una nuova classe dirigente che si mostri capace di portare avanti il processo di pace senza fuggire dalla complessità dei problemi mediorientali.

La soluzione del conflitto israelo-palestinese e l’annientamento delle derive fondamentaliste (di cui la fazione di Hamas, con la sua pretesa di cancellare Israele, è interprete) non sta affatto nelle armi, ma nella politica. Operazioni come quella dell’attacco a Gaza possono risolvere nell’immediato questioni legittime di sicurezza (l’incubo dei razzi Qassam su Sderot e sulle città israeliane del Negev), ma non offrono alcuna soluzione al conflitto. Anzi: se possibile, ne radicalizzano ancor di più le ragioni. Solo la politica (che è la composizione degli interessi) può offrire una speranza.

Ecco perché serve una nuova classe politica con un più alto senso dello Stato e del bene comune. Una classe politica che voglia davvero la pace e non venda illusioni in cambio di poltrone. Una nuova generazione che scenda tra la gente e lavori per creare – nei fatti – un tessuto sociale aperto all’incontro. Il popolo palestinese e il popolo d’Israele sono stanchi di sangue e violenza. Per questo ci auguriamo che il «sussulto di saggezza» invocato da Benedetto XVI possa presto illuminare questi giorni drammatici.

Abbonamenti

Il periodico Terrasanta è per chi vuole approfondire gli aspetti culturali e spirituali della Terra Santa.
Offre articoli su Bibbia, attualità, ecumenismo, archeologia, cultura e dialogo tra le religioni.

Per ricevere il periodico (6 numeri l’anno) la quota d’abbonamento è di 28,00 euro. Disponibile, a 20,00 euro, anche in versione pdf.

Maggiori informazioni
Un saggio di Terrasanta

Vuoi farti un’idea del nostro bimestrale?
Ti mettiamo a disposizione un numero del 2021.
Buona lettura!

Sfoglia il numero
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 al 2021.

Il file consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Consulta l'indice
La tempesta
William Shakespeare

La tempesta

Una fiaba raccontata da Charles e Mary Lamb
Pensa scrivi vivi
Sonia Scarpante

Pensa scrivi vivi

Il potere della scrittura terapeutica
Guida letteraria del mare

Guida letteraria del mare

Pagine naviganti dai più grandi scrittori d'ogni tempo e latitudine
Il tesoro di Francesco
Massimo Fusarelli

Il tesoro di Francesco