Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Gaza. «I bombardamenti continuano, pregate per noi»

30/12/2008  |  Milano
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Abbiamo raggiunto telefonicamente alcune suore cattoliche che vivono nella Striscia di Gaza. Descrivono ciò che stanno vivendo insieme a tutta la popolazione e chiedono preghiere. «La situazione - raccontano - è davvero molto grave. I negozi sono tutti chiusi e non si può comprare cibo da nessuna parte. Non possiamo muoverci da casa e non possiamo andare in chiesa». Di notte manca l'elettricità, proseguono le religiose. E soprattutto scarseggia anche l'acqua, che viene distribuita in modo discontinuo. Gli ospedali sono tutti in emergenza e la gente non riesce a vedere una via d'uscita dal tunnel della guerra. 


Pregare intensamente per Gaza. È la richiesta che giunge in queste ore dalle religiose cattoliche che vivono nella Striscia di Gaza, condividendo la sorte della popolazione locale. «In questo momento stanno bombardando, non so se riesce a sentire al telefono il rumore degli aerei sopra la nostra testa – mi dice la responsabile della scuola di Gaza delle Suore del Rosario -. Ieri hanno bombardato ovunque a Gaza e la situazione è davvero molto grave. I negozi sono tutti chiusi e non si può comprare cibo da nessuna parte. Non possiamo muoverci da casa e non possiamo andare in chiesa. Il problema più grave è l’elettricità che non abbiamo e di notte dobbiamo accendere le candele per spostarci. Negli ospedali si vive un’emergenza perché non ci sono più posti disponibili. La situazione è davvero molto brutta. Anche la nostra scuola è stata danneggiata, sono esplose bombe molto vicine e le porte e le finestre sono saltate. Vi chiediamo di pregare per noi».

«I bombardamenti sono continuati anche vicino a noi tutta la notte ma per fortuna non nel nostro quartiere, per adesso siamo scampate – racconta da Gaza suor Salima, della fraternità delle Piccole sorelle di Gesù -. Oggi è venuta da noi una giovane sposa di vent’anni, che conosciamo da quando ne aveva cinque. Questa notte un missile ha centrato il suo appartamento ed è rimasta senza niente. Esiste una grave emergenza di tipo alimentare, manca il pane, e soprattutto il problema è l’acqua, che viene distribuita in modo fortemente irregolare. Così tutti siamo costretti a usarla con cautela. In queste difficoltà il parroco fa tutto il possibile per rimanere vicino alla gente di Gaza. Vi chiediamo di pregare seriamente per noi, perché qui non riusciamo a vedere una soluzione alla guerra».

Intanto la situazione di Gaza sembra indurre il Vaticano a riconsiderare l’opportunità di un imminente viaggio papale in Terra Santa. Da più parti è stato annunciato per il prossimo maggio, ma finora non c’è stata alcuna conferma ufficiale della Santa Sede.

Gli animali non mangiano pastasciutta
Manuela Mariani

Gli animali non mangiano pastasciutta

Storie in rima alla scoperta di evoluzione, anatomia e ambienti
Vivere da figli di Dio
Matteo Munari

Vivere da figli di Dio

Il cammino del discepolo in Mt 5,21-48
Turchia
Paolo Bizzeti, Sabino Chialà

Turchia

Chiese e monasteri di tradizione siriaca
I santi del sorriso
Gilberto Aquini

I santi del sorriso

Vite straordinarie tra storia, umorismo e devozione