Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Dublino, in 110 contro le bombe a grappolo

06/06/2008  |  Milano
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

A Dublino, Irlanda, 110 Paesi hanno firmato il trattato che mette al bando in tutto il mondo le cluster bomb. Ovvero le «bombe a grappolo»: quelle armi particolarmente nefaste che, raggiunto il suolo, si aprono riversando sul terreno migliaia di piccoli ordigni inesplosi; di fatto mine anti-uomo particolarmente pericolose per bambini e civili inermi. Solo Stati Unti, Russia, Cina, India, Pakistan e Israele hanno scelto di non partecipare al tavolo degli accordi.


Ben 110 Paesi hanno firmato a Dublino, come auspicato da Papa Benedetto XVI, il trattato che mette al bando in tutto il mondo le cluster bomb, ovvero le bombe a grappolo: quelle armi particolarmente nefaste che, raggiunto il suolo, si aprono riversando sul terreno migliaia di piccoli ordigni inesplosi; di fatto mine anti-uomo particolarmente pericolose per bambini e civili inermi.

Il segretario generale del Consiglio ecumenico delle Chiese, Samuel Kobia, ha affermato che «le Chiese di tutto il mondo sono molto incoraggiate dall’accordo. E che guardano ora con grandi aspettative a quei governi di nazioni particolarmente potenti che non si sono ancora sedute al tavolo dei negoziati». Il riferimento di Kobia è rivolto in particolare a Stati Unti, Russia, Cina, India, Pakistan e Israele, Paesi che hanno scelto di non partecipare al tavolo degli accordi.

In particolare, il portavoce del ministero degli esteri israeliano Aryeh Mekel, ha dichiarato che la posizione di Israele è di considerare «esagerato» un bando come quello di Dublino, che esclude in modo assoluto l’utilizzo delle bombe: «Non pensiamo che un bando così radicale sia giustificato – ha detto Mekel -; pensiamo invece che vada perseguito un equilibrio tra le necessità militari e le considerazioni umanitarie».

Israele è tra i grandi produttori di bombe a grappolo e l’ultimo dei Paesi ad averle utilizzate ampiamente. In occasione del conflitto del 2006 con Beirut, Gerusalemme ha bombardato di cluster bomb il Sud del Libano con il risultato di aver disseminato il territorio di centinaia di migliaia di bombe ancora inesplose, in grado di uccidere e mutilare. Le forze delle Nazioni Unite sono impegnate nella bonifica da questi ordigni; ma dopo la fine del conflitto decine di civili libanesi hanno perso la vita e centinaia sono rimasti feriti.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Acque di Sopra e Acque di Sotto

Acque di Sopra e Acque di Sotto

Letture e interpretazioni di testi sacri
Finalmente libera!
Asia Naurīn Bibi, Anne-Isabelle Tollet

Finalmente libera!

I bambini non perdonano
Vanessa Niri

I bambini non perdonano

Che fine ha fatto l’infanzia al tempo del coronavirus?
Perché la politica non ha più bisogno dei cattolici
Fabio Pizzul

Perché la politica non ha più bisogno dei cattolici

La democrazia dopo il Covid-19