Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Scettici su Annapolis

13/11/2007  |  Milano
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Quali sono gli umori della piazza palestinese alla vigilia ormai della Conferenza internazionale sul Medio Oriente (secondo le ultime notizie dovrebbe tenersi ad Annapolis a partire dal 26 novembre)? Alcune risposte interessanti vengono dall'ultimo sondaggio condotto dal Jerusalem Media and Communication Center. Non c'è grande ottimismo: solo il 35 per cento degli intervistati si aspetta un risultato positivo da Annapolis, mentre il 62 per cento è convinto che il vertice fallirà.


Quali sono gli umori della piazza palestinese alla vigilia ormai della Conferenza internazionale sul Medio Oriente (secondo le ultime notizie dovrebbe tenersi ad Annapolis a partire dal 26 novembre)? Alcune risposte interessanti vengono dall’ultimo sondaggio condotto dal Jerusalem Media and Communication Center. Nonostante le tante promesse ricevute – proprio oggi Olmert ha confermato l’intenzione di procedere a un altro rilascio di prigionieri prima del vertice – non c’è grande ottimismo in casa palestinese: solo il 35 per cento degli intervistati si aspetta un risultato positivo da Annapolis, mentre il 62 per cento è convinto che il vertice fallirà.

Ciò non significa – però – una bocciatura rispetto al negoziato: è in costante crescita il numero di coloro che sostengono la necessità di una trattativa con Israele e i due Stati come unica soluzione possibile del conflitto. Inoltre solo il 28 per cento degli intervistati è convinto che a un fallimento di Annapolis seguirebbe una terza intifada. Quanto ai nodi del contendere l’ostacolo di sempre resta la questione dei profughi: il 66,8 per cento si dichiara convinto che dovrebbero essere lasciati tornare nelle loro città e villaggi d’origine. Una posizione del tutto inaccettabile per Israele. Il dato più interessante, probabilmente, resta però quello sugli equilibri interni: Abu Mazen sta recuperando credibilità, mentre (rinchiusa nella trappola di Gaza) Hamas sta perdendo consensi. Anche se un palestinese su due, però, dichiara di essere favorevole a un governo di unità nazionale per uscire dall’attuale situazione di spaccatura.

Come si vede, dunque, quello che emerge è ancora una volta un quadro estremamente complesso. Non ci sono i palestinesi buoni da una parte e i cattivi da isolare dall’altra. Sarà bene tenerlo presente nelle prossime settimane. Specie se – come appare molto probabile – Annapolis finirà con una serie di buoni propositi, senza vincitori né vinti.

Leggi i dati del sondaggio sul sito di Miftah

Mille e un Marocco
Letizia Gardin

Mille e un Marocco

Mangia Viaggia Ama nel Paese più colorato del mondo
Il cantico della felicità
Khalil Gibran

Il cantico della felicità

Caleidoscopio sulla pace del cuore
Chiamati a libertà
Silvano Fausti

Chiamati a libertà

L'ultima parola di un profeta del nostro tempo
Guida letteraria del mondo

Guida letteraria del mondo

Pagine di viaggio dai più grandi scrittori d'ogni tempo e latitudine