Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia
Palestinese, musulmano, il dottor Misk è una delle figure più note del Parents Circle, associazione delle famiglie che hanno perso congiunti nel conflitto israelo-palestinese.

Adel, medico in prima linea

Giorgio Bernardelli
14 novembre 2007
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Adel, medico in prima linea
Il dottor Adel Misk.

Ha fatto comprensibilmente scalpore, prima dell’estate, la notizia che tra i terroristi islamici che progettavano attentati a Glasgow ci fossero anche alcuni medici. Notizia terribile. Ma che non può diventare lo spunto per una paura generalizzata dell’altro. Perché le nostre vite quotidiane, per fortuna, sono piene di storie di segno completamente opposto. E perché ci sono uomini coraggiosi che, nonostante abbiano patito di persona prove durissime, continuano ugualmente a prendersi cura di chi (in teoria) starebbe dall’altra parte della barricata.

È la storia del medico Adel Misk, palestinese e musulmano, uno dei protagonisti del Parents Circle, l’associazione che vede riunite insieme famiglie israeliane e palestinesi accomunate dall’esperienza dolorosa di aver perso un proprio caro a causa del conflitto. Si incontrano tra loro provando a capire ciascuno il dolore dell’altro. E vanno in giro in Israele e nei Territori a raccontare che riconciliarsi è un’esperienza dolorosa, ma possibile. Adel questa storia viene spesso a raccontarla anche in Italia.

Oltre le barriere. Neurologo, negli anni Ottanta Adel ha studiato all’Università di Parma e dunque conosce molto bene la nostra lingua. Ma il dottor Misk dalla sua ha anche un’altra esperienza importante: lavora sia in un ospedale israeliano a Gerusalemme Ovest, sia in un ospedale palestinese a Ramallah. «Una fortuna assai rara, di questi tempi», precisa lui. Perché tra muri e check-point anche per il personale sanitario le forme di collaborazione tra arabi ed ebrei sono diventate più difficili.

Durante la prima Intifada (quella delle pietre tra il 1987 e il 1992) Adel è stato un medico in prima linea. Ha curato i palestinesi feriti dall’esercito israeliano. Ma anche gli israeliani colpiti dalle pietre dei palestinesi. Tutto questo, però, non gli ha risparmiato il suo appuntamento con il dramma. È successo una sera del 1993: il dottor Misk sta rientrando a casa a Gerusalemme Est, dopo il suo turno in ospedale. A pochi isolati da casa trova la strada bloccata, ci deve essere stato un incidente. Da medico scende subito dall’auto per andare a prestare soccorso. E una volta fattosi largo tra la folla si trova davanti suo padre Juma a terra nel sangue, colpito da un colono israeliano. Un’esperienza terribile. I tentativi del figlio di rianimare suo padre si rivelano vani: Juma Misk arriva all’ospedale già morto.

«Mi chiedevo – racconta -: perché proprio a me? Nella mia vita ho aiutato tante persone. Perché ora devo piangere mio padre per questa morte violenta?». Fu l’inizio di un travaglio doloroso. Per nulla mitigato dalle aule dei tribunali. Il colpevole viene identificato, ma la pena che gli viene inflitta è morbida: per un omicidio solo quattro anni, di cui due a piede libero. «Sarebbe stata ben altra se un palestinese avesse ucciso nello stesso modo un israeliano», commenta amaramente il dottor Misk. Ancora sale sulle ferite, dunque. E poi quel lavoro in corsia: «Ti trovi davanti un paziente israeliano e la tentazione è forte. Rischi davvero di rivedere in lui chi ti ha fatto tanto soffrire».

Stop  all’odio. Ma il dottor Misk ha detto no. Non si è arreso alla legge dell’odio. Ha continuato a fare il suo dovere di medico a Ramallah come a Gerusalemme Ovest. «Sono arrivato alla conclusione – ama dire – che, come tanti palestinesi, mio padre è stato ucciso per la semplice ragione che qui non c’è la pace. L’occupazione probabilmente ha portato noi palestinesi a soffrire di più – aggiunge -. Ma il dolore non è una gara. Israeliani e palestinesi abbiamo pagato tutti il prezzo più alto».

In questo suo percorso si è inserito l’incontro con Yitzhak Frankenthal, anche lui uomo ferito per quel figlio ucciso da un gruppo legato ad Hamas. Così, nel 1994, è nato il Parents Circle, che oggi riunisce circa 500 famiglie israeliane e palestinesi. Associazione vivace e non priva di travagli, come prova la vicenda di Frankenthal, che pur condividendone ancora gli ideali, nel 2005 l’ha lasciata. Perché la riconciliazione non è un happy end,  ma un percorso fatto di lacerazioni che possono anche fare male.

Eppure va avanti. Come il lavoro quotidiano di Adel in corsia. Fonte di ispirazione anche per altri gesti forti. In uno dei periodi più duri della seconda Intifada, quando gli attentati suicidi e le rappresaglie dell’esercito si susseguivano con macabra puntualità, quelli del Parents Circle hanno lanciato un’idea: le donazioni di sangue incrociate. Sangue palestinese per soccorrere i feriti israeliani, sangue israeliano per soccorrere i feriti palestinesi. Le restrizioni sugli spostamenti hanno permesso di realizzarla solo parzialmente. Eppure il messaggio resta: anziché spargerlo il sangue è tempo di donarlo. Come ha scelto di fare un medico palestinese, un giorno triste di quattordici anni fa.

Abbonamenti

Il periodico Terrasanta si rivolge a coloro che intendono approfondire gli aspetti culturali e spirituali della Terra Santa.
Offre articoli su Bibbia, attualità, ecumenismo, archeologia, cultura e dialogo tra le religioni.

Per ricevere il periodico (6 numeri l’anno) la quota d’abbonamento è di 28,00 euro. Disponibile, a 20,00 euro, anche in versione pdf.

Maggiori informazioni
Un saggio di Terrasanta

Vuoi farti un’idea del nostro bimestrale?
Ti mettiamo a disposizione un numero del 2019.
Buona lettura!

Sfoglia il numero
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 ad oggi.

Il file, in formato pdf, consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Scarica il file
Acque di Sopra e Acque di Sotto

Acque di Sopra e Acque di Sotto

Letture e interpretazioni di testi sacri
Finalmente libera!
Asia Naurīn Bibi, Anne-Isabelle Tollet

Finalmente libera!

I bambini non perdonano
Vanessa Niri

I bambini non perdonano

Che fine ha fatto l’infanzia al tempo del coronavirus?
Perché la politica non ha più bisogno dei cattolici
Fabio Pizzul

Perché la politica non ha più bisogno dei cattolici

La democrazia dopo il Covid-19