Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Marzo 2007


Esperienza pilota per biblisti cinesi
Milano, 02/03/2007

Esperienza pilota per biblisti cinesi

Hanno trascorso in Terra Santa poco meno di un mese, a cavallo tra gennaio e febbraio. Non erano pellegrini come gli altri e neppure studenti come i tanti che trascorrono anni nelle varie istituzioni accademiche di Gerusalemme. Questi venti uomini venivano dalla Cina e, autorizzati anche da quelle autorità politiche che ancora consentono alla Chiesa cattolica solo una «libertà vigilata» (quando va bene), hanno preso parte a uno speciale corso di Sacra Scrittura organizzato dalla Federazione biblica cattolica e dai benedettini missionari dell'abbazia tedesca di Sankt Ottilien. Abbiamo chiesto al segretario della Federazione biblica, Alexander Schweitzer, di spiegarci l'importanza dell'iniziativa e i possibili sviluppi che questa «prima volta in Terra Santa» potrà avere per la Chiesa di Cina.

Milano, 01/03/2007

Perché La porta di Jaffa

Questo spazio prende il nome da una delle più celebri porte della città vecchia di Gerusalemme. Ogni porta che si rispetti è anche luogo di incontro. Il senso di questo crocevia virtuale è di provare a far passare attraverso questa porta alcune voci e opinioni che in Medio Oriente esistono ma non sentiamo mai perché, soprattutto in Italia, siamo vittima di un'informazione stereotipata.
Cura questa sezione il giornalista Giorgio Bernardelli.
Qui sono immediatamente disponibili per la lettura i contributi più recenti in ordine cronologico. Ai precedenti si accede, per temi, tramite la funzione Ricerca.

Milano, 01/03/2007

Questione di toponomastica

La toponomastica ha un suo peso. Anche in Israele, dove qualcuno si interroga sull'opportunità di conservare il nome di alcune vie dedicate a personalità che hanno operato scelte controverse quando non censurabili. Seguiamo il ragionamento di Shahar Ilan pubblicato sul quotidiano Haaretz.

Italia, 01/03/2007

Un ponte per Betlemme


Barriera di sicurezza, Muro dell'apartheid. A seconda del proprio punto di vista, israeliani e palestinesi la chiamano così quella triste muraglia grigia, alta almeno otto metri, che oggi ferisce la Terra Santa. «Non di muri, ma di ponti c'è bisogno oggi» ebbe a dire Papa Giovanni Paolo II. Per ribadirlo ancora una volta e per esprimere solidarietà a Betlemme, cittadina palestinese ormai rinchiusa dal Muro, è stata indetta questa Giornata di sensibilizzazione e preghiera.

Milano, 01/03/2007

Gli insediamenti non aumentano, ma s’affollano

Nel corso del 2006 non sono stati istituiti nuovi avamposti israeliani «illegali» in Cisgiordania. Lo dice un rapporto dell'organizzazione Peace Now secondo il quale, però, vi sono stati ben 251 mutamenti sostanziali di vario tipo negli insediamenti e avamposti già esistenti. Se il numero delle «colonie» rimane stabile, è invece in crescita la loro popolazione, che nel 2006 ha fatto registrare un incremento pari al 5 per cento. Intanto il governo di Israele non dà seguito agli impegni presi di far sgombrare alcuni avamposti. E Peace Now chiede l'intervento della Corte suprema.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Finalmente libera!
Asia Naurīn Bibi, Anne-Isabelle Tollet

Finalmente libera!

I bambini non perdonano
Vanessa Niri

I bambini non perdonano

Che fine ha fatto l’infanzia al tempo del coronavirus?
Perché la politica non ha più bisogno dei cattolici
Fabio Pizzul

Perché la politica non ha più bisogno dei cattolici

La democrazia dopo il Covid-19