Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

I vescovi nordamericani ed europei per la Terra Santa

19/01/2007  |  Gerusalemme
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
I vescovi nordamericani ed europei per la Terra Santa
Il maestro Arturo Toscanini (Parma, 1867 - New York, 1957).

Anche quest'anno, dal 12 al 18 gennaio, alcuni rappresentanti dei vescovi cattolici europei e nordamericani si sono recati a Gerusalemme per partecipare ai lavori del Coordinamento delle conferenze episcopali a sostegno della Chiesa in Terra Santa. Nel corso dei lavori i presuli hanno anche incontrato ministri del governo israeliano e altre autorità civili e religiose. Non è mancata una visita alla Striscia di Gaza. Il bilancio dell'iniziativa in un comunicato finale.


Ormai è una consuetudine che si ripete di anno in anno. Un gruppo di vescovi cattolici europei e nordamericani – non sempre le stesse persone – si reca in Terra Santa in segno di solidarietà e interesse per le comunità cristiane che vivono intorno ai Luoghi Santi.

L’iniziativa, lanciata nel 1998 su impulso della Santa Sede, si chiama Coordinamento delle conferenze episcopali a sostegno della Chiesa in Terra Santa.

Dal 12 al 18 gennaio scorso è confluita a Gerusalemme una dozzina di prelati: due i nordamericani, gli altri tutti europei (nessun italiano).

A nome degli episcopati che rappresentano, i partecipanti ai lavori cercano di elaborare risposte ai diversi problemi dei cristiani nella terra di Gesù. Al termine della visita, il Coordinamento ha tracciato un bilancio in un comunicato finale: «I cristiani sono pochi, ma sono parte integrante del popolo di Israele e dei Territori palestinesi – si legge nel testo -. I loro diritti devono essere garantiti con il riconoscimento dell’uguaglianza e una maggiore sicurezza, accanto ai diritti religiosi assicurati dalla legge».

Il messaggio ribadisce la funzione moderatrice della presenza cristiana ed esorta i cattolici di tutto il mondo a visitare i luoghi santi e le comunità della Chiesa locale. Una delegazione di presuli ha incontrato anche il vice primo ministro israeliano, Shimon Peres, riconoscendo che «servono atti coraggiosi per spezzare il ciclo della paura israeliana e della rabbia palestinese che dominano la situazione attuale». I partecipanti ai lavori hanno avuto anche modo recarsi nella Striscia di Gaza e di incontrare il ministro israeliano del Turismo, Isaac Herzog. Tema del confronto l’adozione di misure per agevolare i flussi dei pellegrini.

I vescovi auspicano un cambiamento di rotta: «Serve qualcosa di nuovo per raggiungere la giustizia e la pace, così che gli Israeliani possano oltrepassare la paura, che porta a politiche di sicurezza controproducenti che opprimono il popolo palestinese, e i Palestinesi possano superare rabbia e disperazione, che guidano la violenza che terrorizza il popolo israeliano». E aggiungono: «Preghiamo per il coraggio e la guida necessari per spezzare l’ondata di paura, rabbia e disperazione in Terra Santa».

La via della Legge
Massimo Pazzini

La via della Legge

Midrash sul Salmo 119
Nel silenzio

Nel silenzio

Una guida letteraria
La Terra Santa crocevia di dialogo
Narcyz Stanisław Klimas

La Terra Santa crocevia di dialogo

A 800 anni dall’incontro tra Francesco e al-Malik al-Kāmil