Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Con Dio nei deserti della «Terra promessa»

Elena Lea Bartolini
14 luglio 2006
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

La Terra di Israele – la «Terra della promessa» – per i suoi due terzi è deserto, in ebraico midbar, termine che designa uno spazio geografico che può presentare paesaggi fra loro molto diversi: può essere una zona desolata e arida, con la presenza di monti, rocce e alture dai colori diversi, oppure caratterizzata da una serie di colline e catene montuose dai colori uniformi, o ancora con oasi collocate in vaste distese pianeggianti o lungo pendii scoscesi. Se la prima impressione è quella dell’aridità, i deserti biblici spesso nascondono nel sottosuolo una notevole ricchezza d’acqua e, nei medesimi, le piogge invernali fanno nascere una vegetazione che nutre le greggi e permette la vita dei nomadi. Il popolo della Bibbia conosce sia il deserto arido che quello ospitale, soprattutto conosce la vita tipica di questo luogo nel quale sperimenta sia la durezza di situazioni estreme che la grandezza di un Dio sempre pronto a soccorrere.

Si può fare un’esperienza significativa di questo luogo entrando in Israele da sud, da Eilat presso il Mar Rosso, e percorrendo verso nord le diverse zone del Neghev e del deserto di Giuda alla scoperta di parchi naturali che evocano l’epoca dei Patriarchi, dell’Esodo, dei re e dei profeti; crateri spettacolari che rimandano ai racconti della creazione e suggestive oasi presso il Mar Morto che ricordano i luoghi del Cantico dei Cantici. Rimettendosi poi in ascolto della Parola rivelata e aprendosi al fascino misterioso che il contesto evoca, ci si accorge che il cammino nel deserto è sempre provocatorio: può essere duro e difficile, può mettere alla prova in maniera radicale, ma è proprio qui che Dio si è rivelato e il popolo di Israele è diventato il «popolo di Dio» vivendo con Lui una dinamica di tipo sponsale: dal «fidanzamento» segnato dal dono della libertà all’accoglienza della Torah, l’insegnamento divino rivelato, come «patto di nozze» nell’orizzonte del quale realizzare la propria vocazione, ma soprattutto continuando a vivere il deserto come paradigma di un continuo cammino di conversione per «ritornare a Dio» (cfr Os 2,16-25).

Non si può comprendere la santità della Terra di Israele senza fare questa esperienza che è fondamentale per tutta la rivelazione ebraico-cristiana: nel deserto Giovanni Battista ha predicato e invitato alla conversione (cfr Mc 1,1-8), nel deserto Gesù è stato «messo alla prova» (cfr Mc 1,12-13), sempre nel deserto – non a caso – è sorto il monachesimo.

Quando ritorno in questa terra con gruppi – sia di ebrei che di cristiani – che si misurano con tale realtà, riscopro ogni volta la straordinaria potenza rivelativa che proviene da un silenzio capace di parlare nella profondità del cuore umano, da un’apparente aridità che mostra il suo lato fecondo, dalle sorprese naturali che segnano inaspettatamente il cammino: un albero verde, una palma con i datteri presso un corso d’acqua, un fiore in mezzo alla terra arida, un capriolo che si arrampica su un dirupo, un aquila che solca il cielo e ricorda l’amore di Dio che porta il «suo popolo» sulle ali (cfr Es 19,4) come segno di una fedeltà capace di dare la vita (se viene colpita dai cacciatori l’aquila muore ma i piccoli si salvano proprio perché protetti dalle sue ali).

Questo è il deserto in cui Dio si rivela a chi è capace di mettersi in ascolto a partire dalla testimonianza del suo popolo, dal quale provengono sia Gesù che la Chiesa delle origini. Riscopriamolo!

(L’autrice è docente di giudaismo presso il Centro studi del Vicino Oriente a Milano)

Abbonamenti

Il periodico Terrasanta si rivolge a coloro che intendono approfondire gli aspetti culturali e spirituali della Terra Santa.
Offre articoli su Bibbia, attualità, ecumenismo, archeologia, cultura e dialogo tra le religioni.

Per ricevere il periodico (6 numeri l’anno) la quota d’abbonamento è di 28,00 euro. Disponibile, a 20,00 euro, anche in versione pdf.

Maggiori informazioni
Un saggio di Terrasanta

Vuoi farti un’idea del nostro bimestrale?
Ti mettiamo a disposizione un numero del 2019.
Buona lettura!

Sfoglia il numero
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 ad oggi.

Il file, in formato pdf, consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Scarica il file
Archivio Storico

Nel 2021 la rivistaTerrasanta compirà cent’anni.

Volete scoprire com’eravamo agli inizi?

Mettiamo a vostra disposizione le prime cinque annate de La Terra Santa (1921-1925) in formato digitale.

Vai all'archivio
La farmacia di Dio
Anna Maria Foli

La farmacia di Dio

Antichi rimedi per la salute, il buon umore, la bellezza e la longevità dalla tradizione monastica e francescana
La notte di Natale
Papa Francesco

La notte di Natale

Il buon augurio del presepe
Il volo di Nura
Paola Caridi

Il volo di Nura