Attualità

Mons. Girelli rappresenterà il Papa in Terra Santa e a Cipro


di Christophe Lafontaine |  13 settembre 2017

Monsignor Leopoldo Girelli durante una celebrazione liturgica in Vietnam.

Papa Francesco ha nominato rappresentante pontificio in Terra Santa l'arcivescovo Leopoldo Girelli (64 anni). Il nunzio apostolico è originario di Bergamo e proviene dall'Asia.


La Santa Sede ha reso noto quest’oggi, 13 settembre, il nome del nuovo rappresentante pontificio in Terra Santa. Il Papa ha scelto mons. Leopoldo Girelli (64 anni) come nunzio apostolico presso Israele e delegato apostolico in Gerusalemme e Palestina. L’arcivescovo giunge in sede in un contesto piuttosto teso: è del luglio scorso l’ultima crisi relativa alla Spianata delle Moschee e nei giorni scorsi i capi delle Chiese di Terra Santa hanno denunciato i tentativi «sistematici» di Israele di indebolire la presenza cristiana nella Città Santa. Tra i compiti delicati che lo attendono, mons. Girelli avrà anche quello di condurre in porto, se possibile, l’accordo con lo Stato ebraico sullo statuto giuridico-finanziario della Chiesa cattolica in Israele, che riguarda soprattutto i temi fiscali e i diritti di proprietà. I negoziati sono in corso dal 1993.

Leopoldo Girelli è originario di Predore, località che si affaccia sulla sponda occidentale del lago di Iseo, in provincia e diocesi di Bergamo. Elemento che lo accomuna all’amministratore apostolico del patriarcato latino di Gerusalemme, mons. Pierbattista Pizzaballa, che ebbe i natali nella stessa diocesi. Girelli è stato ordinato sacerdote, nel clero diocesano bergamasco, nel giugno 1978. Tra il 1984 e il 1987 ha frequentato la Pontificia accademia ecclesiastica, che cura la formazione del personale diplomatico della Santa Sede. Terminati gli studi ha prestato servizio nelle nunziature di Camerun (1987-1991) e Nuova Zelanda (1991-1993). Richiamato a Roma, ha prestato servizio per 8 anni in Segreteria di Stato. Nel 2001 è stato inviato alla nunziatura negli Stati Uniti. Nel 2006 ha ricevuto l’ordinazione episcopale e ottenuto il suo primo incarico come nunzio in Indonesia e a Timor Leste. Nel 2011 papa Benedetto lo ha trasferito alla nunziatura di Singapore, assegnandogli anche altri uffici: nunzio presso l’Associazione delle Nazioni del Sud-est Asiatico (Asean) e delegato apostolico in Malaysia e in Brunei, oltre al delicatissimo compito di rappresentante pontificio non residente presso il governo del Vietnam.

Monsignor Girelli succede al nunzio mons. Giuseppe Lazzarotto che ha ultimato il suo servizio in Terra Santa il 28 agosto scorso.

Com'è consuetudine, Girelli sarà contemporaneamente anche nunzio apostolico a Cipro. Quest'ultima nomina è stata resa nota il 15 settembre.

In questi giorni il Papa ha chiamato un altro dei suoi ambasciatori a lasciare il Medio Oriente: dopo un servizio durato 8 anni, l’arcivescovo Gabriele Giordano Caccia (59enne, nato in diocesi di Milano) si congeda dalla nunziatura di Beirut, in Libano, e parte alla volta di Manila, nelle Filippine.


 aggiornato alle 12.51 del 15.09.2017

Yehoshua: L'estremismo religioso pietra d'inciampo

Per lo scrittore israeliano A. B. Yehoshua il dialogo tra israeliani e palestinesi è sempre più difficile e la soluzione dei due Stati per due popoli in Terra Santa «è ormai morta da tempo».

Storico! Il patriarca maronita Rai in Arabia Saudita

Per la prima volta un leader religioso cristiano è stato ricevuto con tutti gli onori dai governanti sauditi a Riyadh. Il cardinale Rai ha colto l'occasione per incontrare il premier libanese dimissionario Hariri.

Il Libano in crisi cerca nuovi equilibri

Dopo le dimissioni a sorpresa del premier Hariri, il Libano deve ritrovare nuove forme di collaborazione tra lo schieramento sunnita legato all'Arabia Saudita e il fronte filoiraniano guidato da Hezbollah.

Per l'Egitto una nuova capitale

Entro la fine del 2019 gli egiziani avranno una nuova capitale amministrativa, non lontana dal Cairo. La città avrà 5 milioni di abitanti e vedrà al lavoro quasi 2 milioni di persone.