Attualità

A Tanta ed Alessandria la via crucis dei copti


di Alessandra Bajec |  11 aprile 2017

Dolore e smarrimento dei copti durante i funerali delle vittime dell'attentato del 9 aprile 2017 a Tanta. (foto: Ahmed Gomaa/Xinhua via Zuma Wire)

In Egitto scatta, per tre mesi, lo stato d'emergenza dopo gli attentati di domenica scorsa in due chiese a Tanta e ad Alessandria. Ieri i funerali delle vittime. La rabbia e la disperazione dei copti.


Il presidente egiziano Abdel Fattah el-Sisi ha dichiarato ieri sera lo stato di emergenza, per tre mesi, dopo i due attentati dinamitardi della Domenica delle Palme. I cristiani egiziani non attraversavano un momento tanto tragico dalla bomba dello scorso dicembre alla chiesa dei santi Pietro e Paolo al Cairo che provocò 28 morti e oltre 40 feriti.

La duplice strage del 9 aprile scorso ha causato 43 morti e più di 100 feriti, stando agli ultimi aggiornamenti del ministero della Salute egiziano. La bomba esplosa nella chiesa di San Giorgio (Mar Girgis) a Tanta, a nord del Cairo, ha ucciso almeno 27 persone e ne ha ferite altre 78. Poche ore dopo, un secondo attacco suicida ha colpito la cattedrale di San Marco ad Alessandria, dove stava celebrando il patriarca copto ortodosso,papa Tawadros II: 16 i morti, 40 i feriti. I due attentati  sono stati prontamente rivendicati dal sedicente Stato islamico attraverso Amaq, la sua agenzia di stampa semi-ufficiale.

In Egitto è stato proclamato un lutto nazionale di tre giorni, in concomitanza con i funerali, celebrati tra domenica e lunedì. Le misure di sicurezza ora sono rafforzate davanti ad alberghi, edifici pubblici e in piazza Tahrir, al Cairo. Tutto ciò a tre settimane dalla visita di Papa Francesco, in calendario il 28 e 29 aprile.

«Al mio fratello Papa Tawadros II, alla Chiesa copta e a tutta la nazione egiziana esprimo il mio profondo cordoglio, prego per i defunti e i feriti, e sono vicino ai familiari e alla comunità», diceva Bergoglio domenica mattina in piazza San Pietro, reagendo al primo attentato. «Il Signore – aggiungeva – converta i cuori delle persone che seminano terrore, violenza e morte, e anche il cuore di quelli che fanno e trafficano le armi».

«Per i terroristi, i copti sono un bersaglio facile ed efficace», sostiene il portavoce del patriarcatocopto, padre Boules Halim.

Si appella al governo Mina Magdy, coordinatore e portavoce del movimento giovanile Maspero, affinché si batta contro l’ideologia estremista e sradichi il discorso religioso radicale. «Quest’ultimo doppio attacco, dopo quello di dicembre, sta a dirci che attentati terroristici possono verificarsi ovunque - annota Magdy – e i responsabili scelgono le festività religiose per stroncare il più alto numero di vite».

All’indomani della bomba a Tanta, le strade che conducono alla chiesa di San Giorgio sono quasi deserte, sbarrate al traffico. L’area intorno al luogo della tragedia è stata delimitata dalla polizia. Due ragazze copte, vestite di nero, sostano davanti all’ingresso dell’edificio sacro. Erano lì domenica, poco dopo l’esplosione, a guardare con orrore le ambulanze che trasportavano corpi. Dolore e rabbia nei loro occhi umidi. Chiedono che il personale di sicurezza nel governatorato di Gharbiya sia licenziato e sostituito; dicono che le chiese non sono al sicuro.

È un grosso cruccio per il capo dello Stato El-Sisi che al momento della sua elezione a presidente aveva garantito agli egiziani sicurezza e stabilità e ora si trova a fare i conti con le falle della stessa sicurezza. Fin qui i cristiani copti hanno comunque mostrato lealtà ad el-Sisi, che si è fatto baluardo contro gli islamisti dopo aver deposto il presidente Mohammed Morsi nel luglio 2013.

Nell’ospedale universitario di Tanta, dove sono state portate le vittime dell’esplosione a San Giorgio, sono numerosi i cristiani accorsi a rendere visita ai loro cari. Famiglie, amici e conoscenti si incrociano nei corridoi e si abbracciano. Alcuni hanno notizie consolanti, altri condividono momenti struggenti. Una giovane donna non fa che piangere e implorare «Dio mio!» con i parenti attorno che cercano di calmarla. Suo marito dovrà affrontare una difficile operazione, dopo aver subito gravi lesioni alla testa e allo stomaco. Un ragazzo è in sedia a rotelle, con un occhio bendato. Una ragazzina ha perso un occhio…

Tra lo choc e il lutto, agli egiziani restano molti dubbi circa la protezione dei copti e dei luoghi di culto cristiani.

Gli auguri del presidente Rivlin ai cristiani in Israele

Il 19 aprile scorso il presidente dello Stato di Israele Reuven Rivlin si è recato al patriarcato latino di Gerusalemme per gli auguri pasquali ai responsabili delle comunità cristiane di Terra Santa.

L'Egitto attende il Papa in un clima teso

Pasqua nel cordoglio dopo gli attentati della Domenica delle Palme. La notte scorsa nuovo attacco non lontano dal monastero di Santa Caterina, sul Sinai. In questo Egitto Papa Francesco a fine aprile.

Fra Perry: «Chiediamo pace per il popolo siriano»

Intervista al ministro generale dei Frati Minori, appena rientrato da una visita alle comunità francescane in Libano e Siria. Fra Michael A. Perry racconta quello che ha visto e poi riferito anche a Papa Francesco.

Con Erdoğan Santa Sofia torna moschea?

In una settimana aperta dai tragici attentati contro i cristiani copti egiziani, il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan si accinge a pregare a Santa Sofia, l'antica cattedrale bizantina divenuta moschea e poi museo.