Attualità

Il British Museum per l'Iraq


di Eleonora Prandi |  14 marzo 2017

Il British Museum.

Formare una nuova leva di archeologi iracheni per salvaguardare i reperti archeologici scampati alla guerra e alle masnade dello Stato islamico. È il Progetto Iraq del British Museum.


Il British Museum di Londra ha lanciato un’iniziativa per la formazione di alcuni archeologi iracheni con l’obbiettivo di salvaguardare i reperti archeologici recuperati nelle zone colpite dai conflitti e successivamente liberate dall’occupazione dalle milizie del sedicente Stato islamico.

Come l’intero Iraq, anche l’area di Mosul è ricchissima di reperti archeologici di enorme importanza. Proprio nei dintorni della città sorgevano gli antichi centri di Ninive e Nimrud, divenuta oggetto, quest’ultima, della devastazione messa in atto dagli uomini del califfo nero e documentata in Rete con un video datato aprile 2015.

Attraverso le immagini dei satelliti, secondo recenti studi e successivi scavi svoltisi nel nord dell’Iraq e precisamente nella regione del Kurdistan, si è scoperta una città di cui precedentemente non si conosceva l’esistenza; viene poi individuata la città sumera di Tello, risalente al III secolo a.C. e straordinariamente conservata nonostante le costruzioni originali siano in paglia e fango. Un patrimonio archeologico inestimabile che gli esperti del British Museum, così come gli studiosi di tutto il mondo, si propongono di salvare, come afferma Jonathan Tubb, responsabile del dipartimento Medio Oriente: «Volevamo fare qualcosa di positivo e costruttivo nei confronti di popolazioni e di luoghi devastati dalla guerra continua».

Nasce a questo scopo il Progetto Iraq che - si legge nel sito ufficiale del British Museum - viene pensato per informare i possibili turisti della situazione della zona e ricordare ai visitatori l’importanza dell’area irachena per quanto riguarda il patrimonio archeologico e storico.

La collaborazione del celebre museo inglese con i colleghi del polo museale di Mosul e Baghdad, inizia nel 2003 quando gli archeologi iracheni chiedono l’aiuto del British Museum per conservare i reperti scampati allo scoppio della guerra e tentare di arginare i danni agli edifici storici e agli stessi musei. Nel giugno 2008 poi, il British Museum e le forze armate britanniche, con il pieno sostegno del Consiglio di Stato per le Antichità e il Patrimonio in Iraq, intraprendono un progetto congiunto per valutare i danni in un certo numero di siti archeologici nel sud dell'Iraq.

Degli scorsi giorni è l’annuncio dell’ampliamento del progetto volto alla formazione di nuovi esperti o nella specializzazione degli archeologi già al lavoro, in modo da fornire loro gli strumenti più adatti all’intervento sui reperti danneggiati, anche gravemente. Nell’arco di cinque anni verranno coinvolti cinquanta archeologi che si alterneranno in cicli di tre mesi in Inghilterra più altri tre direttamente sul suolo iracheno. Lo scopo del team internazionale è quindi «completare i progetti in atto, per scoprire e per cambiare la direzione della storia e archeologia attraverso gli strumenti offertici» afferma Halkawt Qadir Omer, un tirocinante del Progetto Iraq, all’agenzia France Presse.

Valle del Giordano, il giogo dei braccianti palestinesi

Ibtesam e Wafa erano braccianti palestinesi. Hanno scelto un'alternativa allo sfruttamento nelle aziende israeliane della Valle del Giordano e ora fanno le dj. Per molti altri come loro il lavoro resta duro.

Da Rimini un abbraccio alla Custodia di Terra Santa

Al Meeting per l’amicizia tra i popoli, in corso dal 20 al 26 agosto nel centro balneare romagnolo, si parla anche degli 800 anni di presenza francescana in Terrra Santa. L'intervento di padre Francesco Patton.

Un'insolita estate a servizio della Terra Santa

Ogni anno diverse persone arrivano a Gerusalemme per prestare servizio ai luoghi santi custoditi dai frati francescani e riscoprire così la propria fede.

Truppe iraniane nel sud della Siria? Israele non ci sta

Il piano di Donald Trump e Vladimir Putin per il cessate il fuoco nella Siria sud-occidentale preoccupa Israele. Che teme l'ammassarsi di nuove truppe musulmane ostili ai suoi confini settentrionali.