Attualità

Shomali nuovo vicario per i cattolici latini in Giordania


 Terrasanta.net |  9 febbraio 2017

Monsignor William Shomali, nuovo vicario patriarcale latino per la Giordania. (foto Mazur/Catholicnews.org.uk)

Al centro della foto l'arcivescovo Maroun Lahham. (foto Marcin Mazur/Catholic Church England and Wales)

L’amministratore apostolico del patriarcato latino di Gerusalemme, mons. Pierbattista Pizzaballa, ha trasferito ad Amman l'ausiliare mons. William Shomali. Che subentra a mons. Maroun Lahham.


(g.s.) – Monsignor William Shomali, vescovo ausiliare del patriarcato latino di Gerusalemme, è stato trasferito ad Amman come vicario patriarcale per la Giordania. Lo ha riferito ieri un comunicato della curia che riferisce la decisione dell’amministratore apostolico, mons. Pierbattista Pizzaballa.

Fino a ieri Shomali era vicario per Gerusalemme, incarico assunto nel 2010, dopo l’ordinazione episcopale. Il presule – nato nel 1950 a Beit-Sahur, alle porte di Betlemme – è palestinese e appartiene al clero del patriarcato dal 1972, anno in cui fu ordinato sacerdote.

Ad Amman prende il posto di mons. Maroun Lahham – anch’egli di famiglia palestinese, ma con passaporto giordano – che ha rassegnato le dimissioni a 68 anni d’età. Dimissioni accettate dal Papa il 4 febbraio scorso.

Negli ambienti cristiani di Gerusalemme, mons. Lahham era considerato come un possibile successore del patriarca Fouad Twal, al quale era già subentrato nella sede di Tunisi, diocesi che ha guidato dal 2005 al 2012, subito prima d’esser trasferito ad Amman. Le cose sono andate diversamente: anche in considerazione di un dissesto finanziario nel bilancio della diocesi, nel giugno scorso la Santa Sede ha invece preferito nominare un amministratore apostolico nella persona di mons. Pizzaballa, il quale da poco aveva concluso il suo lungo mandato (12 anni) di Custode di Terra Santa.

---

Clicca qui per un'intervista a mons. Shomali dopo la nomina. Dal sito web del Patriarcato latino di Gerusalemme.


 aggiornato alle 11.57 del 24.02.2017

Truppe iraniane nel sud della Siria? Israele non ci sta

Il piano di Donald Trump e Vladimir Putin per il cessate il fuoco nella Siria sud-occidentale preoccupa Israele. Che teme l'ammassarsi di nuove truppe musulmane ostili ai suoi confini settentrionali.

E Liron ideò l'alfabeto «arabraico»

Una professionista israeliana nel campo della grafica, Liron Lavi Turkenich, ha creato il font Aravrit: un sistema di segni che fonde caratteri arabi ed ebraici. Il progetto è utopico, ma pare che funzioni.

La festa di sant'Ignazio di Loyola a Gerusalemme

Il 31 luglio nel calendario della Chiesa cattolica si fa memoria di sant'Ignazio di Loyola. Una vera e propria festa per la Compagnia di Gesù che ebbe in lui il suo fondatore.

Dopo la liberazione, anche a Mosul l'insidia delle mine

A Mosul e dintorni si replica la barbarie. Prima di fuggire e darsi per vinte le masnade dello Stato islamico hanno sparso trappole esplosive ovunque. Che da ottobre ad oggi hanno ucciso o mutilato 1.700 persone.