Attualità

Shomali nuovo vicario per i cattolici latini in Giordania


 Terrasanta.net |  9 febbraio 2017

Monsignor William Shomali, nuovo vicario patriarcale latino per la Giordania. (foto Mazur/Catholicnews.org.uk)

Al centro della foto l'arcivescovo Maroun Lahham. (foto Marcin Mazur/Catholic Church England and Wales)

L’amministratore apostolico del patriarcato latino di Gerusalemme, mons. Pierbattista Pizzaballa, ha trasferito ad Amman l'ausiliare mons. William Shomali. Che subentra a mons. Maroun Lahham.


(g.s.) – Monsignor William Shomali, vescovo ausiliare del patriarcato latino di Gerusalemme, è stato trasferito ad Amman come vicario patriarcale per la Giordania. Lo ha riferito ieri un comunicato della curia che riferisce la decisione dell’amministratore apostolico, mons. Pierbattista Pizzaballa.

Fino a ieri Shomali era vicario per Gerusalemme, incarico assunto nel 2010, dopo l’ordinazione episcopale. Il presule – nato nel 1950 a Beit-Sahur, alle porte di Betlemme – è palestinese e appartiene al clero del patriarcato dal 1972, anno in cui fu ordinato sacerdote.

Ad Amman prende il posto di mons. Maroun Lahham – anch’egli di famiglia palestinese, ma con passaporto giordano – che ha rassegnato le dimissioni a 68 anni d’età. Dimissioni accettate dal Papa il 4 febbraio scorso.

Negli ambienti cristiani di Gerusalemme, mons. Lahham era considerato come un possibile successore del patriarca Fouad Twal, al quale era già subentrato nella sede di Tunisi, diocesi che ha guidato dal 2005 al 2012, subito prima d’esser trasferito ad Amman. Le cose sono andate diversamente: anche in considerazione di un dissesto finanziario nel bilancio della diocesi, nel giugno scorso la Santa Sede ha invece preferito nominare un amministratore apostolico nella persona di mons. Pizzaballa, il quale da poco aveva concluso il suo lungo mandato (12 anni) di Custode di Terra Santa.

---

Clicca qui per un'intervista a mons. Shomali dopo la nomina. Dal sito web del Patriarcato latino di Gerusalemme.


 aggiornato alle 11.57 del 24.02.2017

Per Elor Azaria una condanna che divide Israele

Il tribunale militare di Tel Aviv ieri ha inflitto una pena leggera al sottufficiale israeliano Elor Azaria che un anno fa uccise un attentatore palestinese già neutralizzato. Il suo caso ha spaccato il Paese.

Sfratto in vista per i beduini alle porte di Gerusalemme?

In uno dei villaggi beduini che punteggiano l'aspro declivio tra Gerusalemme e Gerico funzionari israeliani hanno recapitato delle ingiunzioni che potrebbero preludere a uno sgombero coatto.

A Baghdad i colori della speranza

La capitale irachena, stravolta dalla guerra e dal terrorismo, è ormai frammentata da tanti muri che circondano quartieri, chiese, palazzi pubblici... Barriere di difesa che ora diventano come grandi tele.

A Tabgha restaurato il santuario

Dopo l'incendio doloso del giugno 2015, sono terminati i lavori di restauro del portico d'ingresso del santuario della Moltiplicazione dei pani e dei pesci, sulla riva nord del lago di Tiberiade.