Attualità

Shomali nuovo vicario per i cattolici latini in Giordania


 Terrasanta.net |  9 febbraio 2017

Monsignor William Shomali, nuovo vicario patriarcale latino per la Giordania. (foto Mazur/Catholicnews.org.uk)

Al centro della foto l'arcivescovo Maroun Lahham. (foto Marcin Mazur/Catholic Church England and Wales)

L’amministratore apostolico del patriarcato latino di Gerusalemme, mons. Pierbattista Pizzaballa, ha trasferito ad Amman l'ausiliare mons. William Shomali. Che subentra a mons. Maroun Lahham.


(g.s.) – Monsignor William Shomali, vescovo ausiliare del patriarcato latino di Gerusalemme, è stato trasferito ad Amman come vicario patriarcale per la Giordania. Lo ha riferito ieri un comunicato della curia che riferisce la decisione dell’amministratore apostolico, mons. Pierbattista Pizzaballa.

Fino a ieri Shomali era vicario per Gerusalemme, incarico assunto nel 2010, dopo l’ordinazione episcopale. Il presule – nato nel 1950 a Beit-Sahur, alle porte di Betlemme – è palestinese e appartiene al clero del patriarcato dal 1972, anno in cui fu ordinato sacerdote.

Ad Amman prende il posto di mons. Maroun Lahham – anch’egli di famiglia palestinese, ma con passaporto giordano – che ha rassegnato le dimissioni a 68 anni d’età. Dimissioni accettate dal Papa il 4 febbraio scorso.

Negli ambienti cristiani di Gerusalemme, mons. Lahham era considerato come un possibile successore del patriarca Fouad Twal, al quale era già subentrato nella sede di Tunisi, diocesi che ha guidato dal 2005 al 2012, subito prima d’esser trasferito ad Amman. Le cose sono andate diversamente: anche in considerazione di un dissesto finanziario nel bilancio della diocesi, nel giugno scorso la Santa Sede ha invece preferito nominare un amministratore apostolico nella persona di mons. Pizzaballa, il quale da poco aveva concluso il suo lungo mandato (12 anni) di Custode di Terra Santa.

---

Clicca qui per un'intervista a mons. Shomali dopo la nomina. Dal sito web del Patriarcato latino di Gerusalemme.


 aggiornato alle 11.57 del 24.02.2017

Assisi invoca pace e dialogo per Gerusalemme

Continuano le manifestazioni di dissenso verso la decisione del governo statunitense di riconoscere Gerusalemme capitale di Israele. Anche da Assisi un appello al dialogo.

In mostra gli scatti di ex detenuti nelle carceri israeliane

Fino a metà dicembre sono esposte nella chiesa scozzese di Gerusalemme le fotografie realizzate da quindici ex detenuti: un’esperienza di riflessione e di riscatto.

A Betlemme gli artigiani della madreperla fanno scuola

All’ombra della basilica della Natività, a Betlemme, è attivo un laboratorio artigianale per la lavorazione della madreperla. Un’arte introdotta nel Sedicesimo secolo dai francescani.

Trump allarma il mondo su Gerusalemme

Torna rovente la questione di Gerusalemme in vista di decisioni imminenti annunciate dal presidente Usa Donald Trump. Le preoccupate reazioni internazionali e l'appello di papa Francesco.