Letture

Quel vento di pace che soffia da Assisi


 Terrasanta.net |  17 febbraio 2017

Ricapitolare lo «spirito di Assisi» in meno di 100 pagine? Ci prova il giornalista Paolo Fucili - vaticanista e redattore di Tv2000 - in un libro sugli aspetti salienti di questa pagina della storia della Chiesa.


(g.s.) - In un volumetto di neppure 100 pagine, Paolo Fucili - vaticanista e giornalista di Tv2000, l’emittente della Conferenza episcopale italiana - dice la sua sullo spirito di Assisi.

Il discorso parte dal momento sorgivo: quel 27 ottobre 1986 in cui san Giovanni Paolo II convocò nella cittadina umbra i rappresentanti di tutte le religioni mondiali a pregare contemporaneamente per la pace. Quel papa visionario comprese, osserva Fucili, che «non c’è speranza di pace per il genere umano se non attingendo energia ideale dalle sue più profonde risorse spirituali, che per molti uomini e donne erano e sono ancora quelle di una fede religiosa».

L’evento, d’altronde, affondava le radici nella dichiarazione conciliare Nostra aetate (1965), sulle relazioni della Chiesa cattolica con le religioni non cristiane. Fucili illustra, con una sintesi estrema, la cornice e la cronaca di quella giornata storica, ne scandaglia le radici e i frutti (contrastanti).

Nella parte finale il libro dedica attenzione a pagine più recenti: si occupa anzitutto dello spirito di Assisi secondo papa Ratzinger, il quale volle a sua volta tornare nella cittadina umbra per una Giornata di riflessione, dialogo e preghiera per la pace e la giustizia nel mondo («non solo preghiera dunque», chiosa Fucili). Lo sguardo dell'Autore si posa poi sull’impegno, negli anni, della comunità di Sant’Egidio, che subito raccolse il testimone trasmesso da Wojtyla. Infine si sofferma su papa Francesco operatore di pace e già più volte pellegrino ai luoghi natali del santo a cui si ispira.

Una meditazione sul bene

Nei suoi cinque capitoli di dotta meditazione sul bene, questo volume si alimenta di riflessioni di pensatori e poeti, ma pure delle storie concrete di coloro che al bene hanno dato carne e volontà.

Gesù nell'arte israeliana, una mostra sorprendente

Al Museo d'Israele fino al 16 aprile una mostra racconta come Gesù viene rappresentato nell'arte israeliana. I motivi cristiani simboleggiano di volta in volta i dolori del popolo ebraico o di quello palestinese.

Tortura in Siria, gli scatti di Caesar in mostra a Milano

Dal 3 all'8 marzo è a Milano la mostra fotografica Nome in codice: Caesar. Detenuti siriani vittime di tortura che illustra l’orrore delle prigioni siriane. Scatti di vittime trafugati da un ufficiale della polizia militare.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell'esperienza umana in Gesù di Nazaret. I frati minori della Custodia promuovono i pellegrinaggi con l'apposito Ufficio di Roma.