Letture

Quel vento di pace che soffia da Assisi


 17 febbraio 2017

Ricapitolare lo «spirito di Assisi» in meno di 100 pagine? Ci prova il giornalista Paolo Fucili - vaticanista e redattore di Tv2000 - in un libro sugli aspetti salienti di questa pagina della storia della Chiesa.


(g.s.) - In un volumetto di neppure 100 pagine, Paolo Fucili - vaticanista e giornalista di Tv2000, l’emittente della Conferenza episcopale italiana - dice la sua sullo spirito di Assisi.

Il discorso parte dal momento sorgivo: quel 27 ottobre 1986 in cui san Giovanni Paolo II convocò nella cittadina umbra i rappresentanti di tutte le religioni mondiali a pregare contemporaneamente per la pace. Quel papa visionario comprese, osserva Fucili, che «non c’è speranza di pace per il genere umano se non attingendo energia ideale dalle sue più profonde risorse spirituali, che per molti uomini e donne erano e sono ancora quelle di una fede religiosa».

L’evento, d’altronde, affondava le radici nella dichiarazione conciliare Nostra aetate (1965), sulle relazioni della Chiesa cattolica con le religioni non cristiane. Fucili illustra, con una sintesi estrema, la cornice e la cronaca di quella giornata storica, ne scandaglia le radici e i frutti (contrastanti).

Nella parte finale il libro dedica attenzione a pagine più recenti: si occupa anzitutto dello spirito di Assisi secondo papa Ratzinger, il quale volle a sua volta tornare nella cittadina umbra per una Giornata di riflessione, dialogo e preghiera per la pace e la giustizia nel mondo («non solo preghiera dunque», chiosa Fucili). Lo sguardo dell'Autore si posa poi sull’impegno, negli anni, della comunità di Sant’Egidio, che subito raccolse il testimone trasmesso da Wojtyla. Infine si sofferma su papa Francesco operatore di pace e già più volte pellegrino ai luoghi natali del santo a cui si ispira.

La Milano multimediale non dimentica San Sepolcro

Non poche città europee nel Medio Evo si dotarono di rimandi alla Gerusalemme cristiana. Milano fu tra queste ed oggi lo ricorda anche in un portale di contenuti video che tengono viva la memoria cittadina.

La finestra di don Andrea

È trascorso un decennio dall'assassinio di don Andrea Santoro in Turchia. Nello scenario internazionale odierno la sua testimonianza, attinta dagli scritti raccolti in questo libro, appare fecondissima.

A Gerusalemme la «corte ebraica» di Venezia

Presso la Sinagoga italiana di Gerusalemme, il Museo Nahon ospita per alcuni mesi una mostra dedicata all’eredità degli ebrei veneziani a cinquecento anni dalla creazione del primo ghetto.

L'infanzia di Chava nella Shoah

Il libro Un chilo di cioccolato costituisce un contributo minuscolo, ma prezioso, alla conoscenza di un «passato che non passa», realizzato con gli strumenti dell’autobiografia.