Attualità

Dai francescani un appello al mondo per Aleppo e la Siria


 Terrasanta.net |  4 ottobre 2016

Una via di Aleppo devastata dai bombardamenti. (foto d'archivio)

Il Ministro generale dei Frati Minori, fra Michael Perry, e il Custode di Terra Santa, fra Francesco Patton, firmano insieme un Messaggio per la Siria. E chiedono una zona di sicurezza per Aleppo.


(g.s.) - Nella festa di san Francesco d’Assisi, che ricorre oggi 4 ottobre, il Ministro generale dei Frati Minori, fra Michael Perry, e il Custode di Terra Santa, fra Francesco Patton, hanno deciso di pubblicare insieme un Messaggio per la Siria.

Nel testo i due religiosi ringraziano anzitutto Papa Francesco per la sua vicinanza costante al dramma del popolo siriano: « Con profonda e riconoscente gratitudine, anche a nome dei confratelli che si trovano a vivere nelle zone del Medio Oriente, in particolare in Siria, martoriate dalla terribile guerra e dai cruenti conflitti, vogliamo esprimere il nostro ringraziamento al Santo Padre, Papa Francesco, per la sua costante e attenta vicinanza a tutta la popolazione siriana che sta soffrendo in modo indicibile specialmente nella città di Aleppo, tanto nella parte orientale che in quella occidentale della città».

Come Bergoglio, fra Perry e fra Patton sono amareggiati dal fallimento degli sforzi di pace e dal prevalere della logica delle armi e della sopraffazione.

Proprio in questo clima negativo e dopo la deludente tregua di metà settembre, che ha tenuto pochissimo, i due frati scrivono: «Chiediamo a tutte le forze in campo e a tutti coloro che hanno responsabilità politiche di mettere al primo posto il bene della popolazione inerme della Siria e in particolare della città di Aleppo, di far immediatamente tacere le armi e di porre fine all’odio e a qualsiasi tipo di violenza, in modo tale che si possa davvero trovare e percorrere la via della pace, della riconciliazione e del perdono».

Alla comunità internazionale il Messaggio dei due superiori francescani chiede che «si adoperi concretamente per fare di Aleppo una Zona di Sicurezza, applicando le migliori soluzioni apprese in precedenti esperienze per garantire la massima collaborazione e la riuscita dell’iniziativa. Questa Zona di Sicurezza attorno ad Aleppo permetterebbe alla popolazione tutta, provata dalle immani conseguenze del conflitto, senza discriminazione alcuna, di poter ricevere i necessari aiuti umanitari, ritrovare sicurezza e protezione e riscoprire la fiducia e la speranza in un futuro immediato abitato e animato solamente dalla pace». Altre simili zone di sicurezza dovrebbero essere create in altre località siriane nella cornice di un piano volto alla pacificazione. Zone che potrebbero essere poste sotto il controllo di forze di pace munite di mandato del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

A tutti i Paesi e i governi del mondo il Ministro generale e il Custode di Terra Santa chiedono la maggior generosità possibile nell’accoglienza dei profughi siriani, pur nel rispetto delle leggi locali e nazionali, e nell’invio di aiuti umanitari.

I francescani sono presenti in Medio Oriente da circa 800 anni (essendovi giunti nel 1219, inviati dallo stesso san Francesco). La Custodia di Terra Santa è l'entità amministrativa che li raggruppa.

In Siria, dove sono presenti da quattro secoli e contano oggi nove case religiose, tenute da quattordici religiosi e affiancate da numerose congregazioni religiose femminili.

I francescani oggi ad Aleppo sono quattro (in due conventi). Oltre ai bisogni spirituali, assicurano con qualsiasi mezzo disponibile un aiuto di primo soccorso alle popolazioni fornendo approvvigionamenti d'acqua e cibo. In periodo di tregua, sostengono le famiglie dopo i bombardamenti e cercano per quanto possibile di offrire la possibilità di frequentare corsi e di ricevere un'istruzione grazie alla biblioteca messa a disposizione.

 

La versione integrale del Messaggio per la Siria è nel sito istituzionale della Custodia di Terra Santa.

Yehoshua: L'estremismo religioso pietra d'inciampo

Per lo scrittore israeliano A. B. Yehoshua il dialogo tra israeliani e palestinesi è sempre più difficile e la soluzione dei due Stati per due popoli in Terra Santa «è ormai morta da tempo».

Storico! Il patriarca maronita Rai in Arabia Saudita

Per la prima volta un leader religioso cristiano è stato ricevuto con tutti gli onori dai governanti sauditi a Riyadh. Il cardinale Rai ha colto l'occasione per incontrare il premier libanese dimissionario Hariri.

Il Libano in crisi cerca nuovi equilibri

Dopo le dimissioni a sorpresa del premier Hariri, il Libano deve ritrovare nuove forme di collaborazione tra lo schieramento sunnita legato all'Arabia Saudita e il fronte filoiraniano guidato da Hezbollah.

Per l'Egitto una nuova capitale

Entro la fine del 2019 gli egiziani avranno una nuova capitale amministrativa, non lontana dal Cairo. La città avrà 5 milioni di abitanti e vedrà al lavoro quasi 2 milioni di persone.