Itinerari

Visite 2.0 al Terra Sancta Museum


di Guillaume Genet |  11 marzo 2019

Una visitatrice del Terra Sancta Museum testa la nuova App sul suo smartphone.

Da febbraio 2019 è disponibile una nuova App in più lingue per i visitatori del Terra Sancta Museum a Gerusalemme. La si può scaricare gratuitamente sul proprio cellulare e poi lasciarsi guidare.


C’è una piccola novità che non mancherà di interessare gli appassionati di storia, avvezzi alle nuove tecnologie. A Gerusalemme il Terra Sancta Museum ha assunto una dimensione digitale con il lancio di un’app dedicata alla visita della sua sezione archeologica, presso il convento della Flagellazione a Gerusalemme. L’App guida il visitatore attraverso il museo e gli offre l'opportunità di consultare tutte le spiegazioni sul proprio telefono.

L'applicazione è disponibile per le piattaforme iPhone e Android. Per dotarsene basta accedere all'App Store o al Google Play Store del proprio smartphone e scaricare gratuitamente l'app Terra Sancta Museum.

Come funziona

Una volta entrati nel Terra Sancta Museum, aprite l’App e connettevi alla rete wi-fi del museo. Quindi iniziate la visita lasciandovi guidare dall'applicazione. Percorrendo le gallerie essa fornisce le spiegazioni e le informazioni necessarie per comprendere Gerusalemme e la sua storia. Grazie ad un sistema di geolocalizzazione all'interno del museo, l'applicazione traccia il vostro percorso, per offrirvi un'esperienza più ricca alla scoperta delle opere esposte. Una mappa virtuale indica il percorso delle sei sale del Museo, evidenziando le parti già visitate e quelle che rimangono da scoprire.

Cosa offre l'App

Oltre alle spiegazioni scritte, fornisce contenuti aggiuntivi per comprendere le opere in mostra. Andando, ad esempio, nella sezione dedicata alla vita di tutti i giorni ai tempi di Gesù, potrete usufruire di un video che spiega l'uso di una lampada ad olio. Potrete anche vedere più in dettaglio le monete dell’epoca, o apprezzare illustrazioni dell'Herodion, una delle roccaforti di Erode il Grande. Oggetti esposti, diagrammi, immagini: l'applicazione propone spunti di approfondimento di carattere storico, culturale e aneddotico. Tutte le spiegazioni e il contenuto delle sale restano disponibili anche dopo la visita.

L'applicazione è attualmente disponibile in inglese e italiano. Presto saranno aggiunte altre tre lingue: l’arabo, l’ebraico e il francese.

Informazioni utili

Le sezioni Archeologica e Multimediale del Terra Sancta Museum è presso il convento francescano della Flagellazione in Via Dolorosa Street 1 a Gerusalemme (la sezione storica è ancora in via di realizzazione presso il convento di San Salvatore, sede centrale della Custodia di Terra Santa).

Il museo è aperto tutti i giorni: da novembre a marzo, dalle 9.00 alle 17.00 da aprile a ottobre, dalle 9.00 alle 18.00

Prezzo intero: 15 shekel - Tariffa ridotta: 10 shekel (valida per gruppi di oltre 5 persone, studenti e ultra 65enni)

Ingresso gratuito per bambini sotto i 12 anni d’età, gruppi scolastici, insegnanti, residenti religiosi, guide turistiche, giornalisti e disabili.

Nasrallah e il compito del poeta

A tu per tu con Ibrahim Nasrallah, scrittore palestinese che negli anni ha arricchito la poetica e la letteratura araba con una produzione corposa e profonda: 19 romanzi e 17 raccolte di poesie.

Saxum, un'introduzione alla Terra Santa

Nel villaggio di Abu Gosh, 13 chilometri a ovest di Gerusalemme, sorge il Centro Saxum, una nuova “porta d’accesso” alla Terra Santa, illustrata ai pellegrini con un percorso multimediale.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell'esperienza umana in Gesù di Nazaret. I frati minori della Custodia promuovono i pellegrinaggi con l'apposito Ufficio di Roma.

Status quo, o come cogestire gli spazi sacri

A Venezia, nell'edizione 2018 della Biennale di Architettura, Israele ha presentato un padiglione sullo Status quo come esperienza di condivisione degli spazi sacri in Terra Santa. La mostra è ora a Tel Aviv.