Itinerari

Saxum, un'introduzione alla Terra Santa


 Christian Media Center |  7 marzo 2019

Nel villaggio di Abu Gosh, 13 chilometri a ovest di Gerusalemme, sorge il Centro Saxum, una nuova “porta d’accesso” alla Terra Santa, illustrata ai pellegrini con un percorso multimediale.


Circondato da verdi colline che danno al luogo un tocco di una bellezza straordinaria, Saxum è stato voluto dall’Opus Dei. Si propone come una “porta d’accesso” alla Terra Santa, che viene illustrata ai pellegrini attraverso un percorso multimediale. Interagendo con i touch screen, il visitatore può ritrovarsi nei luoghi in cui Gesù ha vissuto dalla nascita fino alla sua morte e resurrezione.

Saxum è stato inaugurato ufficialmente il 7 febbraio 2019 ebenedetto il primo marzo dall’amministratore apostolico del patriarcato latino di Gerusalemme, mons. Pierbattista Pizzaballa.

La direttrice del centro, Almodena Romero, spiega che la realizzazione di Saxum è stata resa possibile da una campagna di raccolta fondi durata 4 anni e che ha coinvolto donatori di molti Paesi. «Siamo convinti – dice – che la Terra Santa possa cambiare la vita di tutti».

---

Per saperne di più visita il sito Internet di Saxum.

Nasrallah e il compito del poeta

A tu per tu con Ibrahim Nasrallah, scrittore palestinese che negli anni ha arricchito la poetica e la letteratura araba con una produzione corposa e profonda: 19 romanzi e 17 raccolte di poesie.

Visite 2.0 al Terra Sancta Museum

Da febbraio 2019 è disponibile una nuova App in più lingue per i visitatori del Terra Sancta Museum a Gerusalemme. La si può scaricare gratuitamente sul proprio cellulare e poi lasciarsi guidare.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell'esperienza umana in Gesù di Nazaret. I frati minori della Custodia promuovono i pellegrinaggi con l'apposito Ufficio di Roma.

Status quo, o come cogestire gli spazi sacri

A Venezia, nell'edizione 2018 della Biennale di Architettura, Israele ha presentato un padiglione sullo Status quo come esperienza di condivisione degli spazi sacri in Terra Santa. La mostra è ora a Tel Aviv.