Film, mostre ecc.

Le metafore di Banksy in mostra a Milano


di Giuseppe Caffulli |  19 novembre 2018

Il dettaglio di un graffito di Banksy sul muro di separazione israeliano a Betlemme.

Al Museo delle Culture (Mudec) di Milano una mostra dedicata a Banksy, artista e writer dall'identità tuttora ignota. Sul muro di separazione a Betlemme alcune delle sue opere più celebri.


Si inaugura il 20 novembre al Museo delle Culture (Mudec) di Milano la mostra dedicata a Banksy, l’artista e writer inglese la cui vera identità rimane tuttora ignota. Considerato uno dei maggiori esponenti della street art contemporanea, Bansky ha affrontato temi universali come la politica, la cultura e l'etica. Un tratto del muro di separazione israeliano a Betlemme, grazie ai suoi graffiti, è diventato un museo a cielo aperto, e un grido di denuncia contro l’ingiustizia dell’occupazione. Una «protesta visiva» che coinvolge un vastissimo ed eterogeneo pubblico e ne fa uno degli artisti più amati.

Sono state organizzate diverse mostre su Banksy, ma mai un museo pubblico italiano aveva ospitato una sua monografica. Si tratta di un evento non autorizzato dall’artista, che continua a difendere il proprio anonimato.

La mostra The Art of Banksy. A visual protest, sarà aperta dal 21 novembre 2018. Curata da Gianni Mercurio, raccoglierà circa 80 lavori tra dipinti, sculture, stampe dell’artista inglese, oggetti, fotografie e video, che racconteranno attraverso uno sguardo retrospettivo l’opera e il pensiero di Banksy nel contesto della storia dell’arte contemporanea.

Come spiegano i curatori della mostra, «Banksy accentua il contenuto dei messaggi politici e sociali in maniera esplicita, spostando il messaggio dalla forma al contenuto».

Una speciale sezione video racconterà al pubblico i murali (esistenti o scomparsi) che Banksy ha realizzato in diversi luoghi del mondo, tra i quali Betlemme, dove l’artista ha voluto anche un Museo dell’occupazione all’interno di un hotel che sorge a ridosso del muro.

Il messaggio di Banksy e la sua arte, quanto mai contemporanei, si manifestano come provocazione nei confronti dell’arroganza del potere, del conformismo, della guerra, del consumismo.

Come ha spiegato il famoso street artist americano Shepard Fairey, «le sue opere sono piene di immagini metaforiche che trascendono le barriere linguistiche. Le immagini sono divertenti e brillanti, eppure talmente semplici e accessibili: anche se i bambini di sei anni non hanno la minima idea di che cosa sia un conflitto culturale, non avranno alcun problema a riconoscere che c’è qualcosa che non quadra quando vedono la Monna Lisa che impugna un lanciafiamme».

Una bussola per la sharia

Ai giorni nostri quella della sharia non è questione astrusa per eruditi. Anche un pubblico più vasto si interessa all'origine e ai contenuti delle norme religiose islamiche. Un libro offre le coordinate per orientarsi.

Oltre i muri, almeno virtualmente

Far incontrare idealmente le famiglie israeliane con quelle palestinesi è l'ambizione di un'installazione di realtà virtuale proposta al Museo di Israele, a Gerusalemme. È Visitors 2018 di Daniel Landau.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell'esperienza umana in Gesù di Nazaret. I frati minori della Custodia promuovono i pellegrinaggi con l'apposito Ufficio di Roma.

Barluzzi, progettista per la gloria di Dio

In un pellegrinaggio nei santuari cristiani in Israele e Palestina si incontrano non poche chiese costruite nel secolo scorso. Molte sono riconducibili a un unico progettista: l'italiano Antonio Barluzzi.