Attualità

Dalla Basilicata un omaggio a padre Virgilio Corbo


 Terrasanta.net |  6 luglio 2018

Fra Virgilio Corbo ritratto durante un'attività di scavo.

L'archeologo francescano padre Virgilio Corbo, con i suoi scavi a Cafarnao, restituì ai pellegrini cristiani in Terra Santa la casa di san Pietro. La sua città, Avigliano, gli rende onore a un secolo dalla nascita.


(g.s.) - La città di Avigliano, in provincia di Potenza, ricorda domani, 7 luglio 2018, uno dei suoi cittadini più illustri nel centenario della nascita. A padre Virgilio Corbo (1918-1991), frate minore e archeologo della Custodia di Terra Santa, verranno dedicati, nel pomeriggio, un convegno e l’inaugurazione di una mostra fotografica, iniziative alle quali contribuiscono la municipalità, la parrocchia di Santa Maria del Carmine, il Consiglio regionale della Basilicata e la sezione lucana dell’Unione stampa cattolica italiana (Ucsi).

Alle 18 nella basilica di Santa Maria del Carmine sarà celebrata una messa solenne presieduta dall’arcivescovo di Potenza-Muro Lucano-Marsico Nuovo, mons. Salvatore Ligorio, che concluderà anche il convegno. Al quale prenderanno parte, in veste di relatori, il professor Virgilio Costa, dell’Università Tor Vergata di Roma; don Cesare Marcheselli Casale, già docente presso la Facoltà teologica dell’Italia meridionale a Napoli e professore invitato allo Studium Biblicum Franciscanum di Gerusalemme e fra Sergio Galdi, commissario generale di Terra Santa di Napoli. Ciascuno metterà in luce un aspetto della personalità e della biografia del religioso lucano.

Corbo fu tra i pionieri dell’archeologia francescana in Terra Santa. Condusse scavi importanti in vari siti quali l’Herodion (1961-67), il Santo Sepolcro (1961-82), Cafarnao (1968-90), Macheronte (1978-81). Il frate rese noti i suoi risultati in pubblicazioni a carattere scientifico e fece parte del corpo docente dello Studium Biblicum Franciscanum di Gerusalemme. Il suo nome è legato specialmente a due luoghi santi: il Santo sepolcro e Cafarnao, la città dell’apostolo san Pietro, dove il Signore Gesù trascorse alcuni anni della sua vita pubblica.

Fra Galdi, nel suo intervento, tratteggerà un profilo di fra Virgilio, in quanto francescano innamorato della Terra Santa. Gli piace sottolineare un aspetto della biografia di Corbo: «Come Cristo, a sua perpetua imitazione, padre Corbo elesse Cafarnao come città del suo cuore e del suo spirito, come pagina sulla quale tracciare le entusiasmanti analisi dei reperti archeologici che portava alla luce da solo o, più spesso ancora, con l’amico che come lui era divenuto cittadino di Cafarnao, padre Stanislao Loffreda».

Scriveva di sé il frate aviglianese: «Sono nativo della Lucania e attaccato alla mia terra, ma sono venuto in Palestina da ragazzino, a dieci anni. Nella terra di Gesù ho vissuto un’esperienza unica che mi ha fatto comprendere la storia del Cristianesimo e la bellezza del Vangelo. E questa esperienza continua ancora con risvolti, sorprese, scoperte sempre più interessanti: per questo ho deciso di restare sempre in Terra Santa, al servizio del Vangelo e della scienza».

Un archeologo illustre

Il ricordo di una delle più importanti figure dell’archeologia italiana curato nel 2011, a vent’anni dalla morte di fra Corbo (1991), dai colleghi dello Studium Biblicum Franciscanum di Gerusalemme.

Il popolo delle grotte di Masafer Yatta

Nel 2019 in Terra Santa, neanche troppo lontano dalle rotte di turisti e pellegrini, ci sono realtà di miseria profonda, come quella delle colline a sud di Hebron che andiamo a raccontarvi.

Il primo studente Erasmus a Gaza è italiano

Riccardo Corradini è originario del Trentino, ma studia Medicina all'Università di Siena. È giunto nella Striscia di Gaza ai primi di febbraio e vi resterà quattro mesi, approfondendo la chirurgia d'urgenza.

A Gerusalemme un'antica cisterna risorsa per il turismo?

Una grande vasca d'epoca bizantina, nel sottosuolo di Gerusalemme, potrebbe presto diventare un sito aperto ai turisti appassionati di archeologia. Le autorità competenti si confrontano.

Lezioni sospese all'Università (cattolica) di Betlemme

L'Università di Betlemme, da 45 anni a servizio degli studenti palestinesi, ha sospeso i corsi dopo ripetute interruzioni imposte dai rappresentanti degli studenti, che contestano le tasse universitarie.