Attualità

Quattro anni dopo, un minuto per la pace


 Terrasanta.net |  8 giugno 2018

Roma, 8 giugno 2014: Papa Francesco con Shimon Peres, Abu Mazen e il Patriarca Bartolomeo

Per rilanciare il messaggio di pace dell’8 giugno 2014, un invito a fermarsi alle 13 dell'8 giugno, per un minuto di preghiera o di silenzio, credenti e non credenti.


«Dove ti trovi, alle ore 13 dell’8 giugno, fermati, china il capo e prega per la pace»: è l’invito che arriva dal Forum internazionale di Azione cattolica (Fiac) e da altre realtà cattoliche italiane e argentine nel quarto anniversario dell’incontro di preghiera che nel 2014 riunì nei giardini del Vaticano papa Francesco, il patriarca di Costantinopoli Bartolomeo, i presidenti israeliano e palestinese Shimon Peres e Abu Mazen.
«Signore, disarma la lingua e le mani, rinnova i cuori e le menti, perché la parola che ci fa incontrare sia sempre “fratello”, e lo stile della nostra vita diventi: shalom, pace, salam!». Furono le parole conclusive di quella preghiera. Da allora l’8 giugno è diventata una data importante per ricordare il bisogno di pace, in Terra Santa, in Medio Oriente, come in altre zone di conflitto.

Oggi si rinnova in varie parti del mondo l’iniziativa di un momento di preghiera chiamata «Un minuto per la pace». Un invito a tutti quanti lo desiderano di dedicare un minuto del proprio tempo per invocare la fine dei conflitti che insanguinano il mondo, con un pensiero particolare ad alcune situazioni spesso dimenticate dall’opinione pubblica, come il Burundi, la Colombia, l’Ucraina, il Myanmar. Il comunicato del Forum internazionale di Azione cattolica ricorda anche che a capo chino si fermeranno per un minuto in preghiera silenziosa i circa 250 rappresentanti della pastorale giovanile che sono riuniti a Panama per l’incontro di preparazione alla prossima Giornata mondiale della gioventù (gennaio 2019).
Il Papa, che tante volte ha ricordato il bisogno di pregare per la pace insieme, cristiani, ebrei e musulmani, ha voluto un incontro ecumenico il 7 luglio a Bari di riflessione e preghiera per il Medio Oriente.

Libano di nuovo meta di pellegrinaggio (e rivive un antico monastero rupestre)

Nel 2019 il Vaticano rimetterà il Paese dei cedri nella lista ufficiale delle destinazioni di pellegrinaggio, mentre la Chiesa maronita riapre al culto uno dei suoi luoghi più antichi

Israele Stato ebraico, le contestazioni dei drusi

Dal 19 luglio scorso pure la leale minoranza drusa sente lo Stato di Israele un po' meno amico. E chiede riconoscimento per le proprie istanze. Si va verso nuovi distinguo?

Un legame in più tra Gerusalemme e Roma

La Casa Mater Misericordiae, sulle pendici del Monte degli Ulivi, rinnova e potenzia il suo servizio. Sarà gestita insieme alla diocesi di Roma come centro di riflessione e ritiro per sacerdoti e seminaristi. Ci dice tutto don Filippo Morlacchi.

«Israele Stato ebraico, una legge inconcepibile»

Con una dichiarazione diffusa il 30 luglio, il Patriarcato latino di Gerusalemme si unisce alle voci critiche sulla legge di «Israele Stato-nazione del popolo ebraico» approvata il 19 luglio scorso.