DOSSIER

Il cuore perduto del culto giudaico


di Massimo Pazzini ofm |  marzo-aprile 2018

Una ricostruzione del secondo Tempio nel grande plastico dell'antica Gerusalemme esposto al Museo di Israele.

In questo Dossier offriamo un excursus essenzialmente biblico sulle origini del Tempio giudaico, la sua collocazione nella storia d’Israele, la distruzione e i «sogni di ricostruzione».


Il tempio di Gerusalemme, nel sentire comune, si identifica con il tempio fatto costruire da Salomone. Il racconto biblico descrive l’edificio e i suoi arredi nei più minuti dettagli. Questo è stato e rimane il modello di ogni edificio di culto ebraico. In realtà, parlando di tempio di Gerusalemme, occorre considerare tre templi: quello di Salomone (X secolo a.C.), quello ricostruito dopo l’esilio degli israeliti a Babilonia (VI secolo a.C.) e il tempio ideale previsto in futuro.

In questo dossier vorremmo offrire un excursus essenzialmente biblico sulle origini del Tempio, la sua collocazione nella storia d’Israele e l’evoluzione di questo edificio, fino alla sua distruzione da parte dei romani. Senza tralasciare i «sogni di ricostruzione» portati avanti da alcune frange interne all’Israele contemporaneo.

(Questo testo è l'introduzione al Dossier di 16 pagine pubblicato nella versione cartacea di Terrasanta)

Nel numero di marzo-aprile 2018

Il sommario dei temi toccati nel numero di marzo-aprile 2018 di Terrasanta su carta. Tutti i contenuti, dalla prima all’ultima pagina, ordinati per sezioni. Buona lettura!

Gaza. In prigione per fame

La situazione umanitaria nella Striscia è pesante. Aumentano i casi di adolescenti che cercano di farsi arrestare dai soldati israeliani. Per andare in prigione e non pesare sulla famiglia.

Gerusalemme nel Ticino

Partendo dagli affreschi cinquecenteschi di Santa Maria degli Angeli, a Lugano (Svizzera), lo storico Franco Cardini ripercorre le origini dei Sacri Monti, la «ricerca» della Città Santa ai piedi delle Alpi.