Letture

Tra Asia ed Europa, la via di una storia comune


 Terrasanta.net |  22 febbraio 2018

Dall’antichità al Novecento, attraverso le vicende di città nodali, il libro illustra la trama di conoscenze, rapporti e contaminazioni che hanno segnato la storia tra Oriente asiatico e Mediterraneo.


Il suggestivo nome di «Via della seta», che il geografo tedesco Ferdinand von Richthofen ideò nell’Ottocento per indicare l’intreccio di vie commerciali tra l’Oriente e l’Occidente dell’Eurasia, ha avuto un successo straordinario. Ma non solo di seta si trattò, nei secoli, né di un’unica via. Fu invece una complessa vicenda storica che unì le civiltà tra loro lontane del Mediterraneo e del mondo cinese, insieme ai grandi spazi intermedi. La «Via della seta» è perciò emblema di una storia comune che oggi merita di essere osservata e studiata con la lente della World History, cioè con una prospettiva globale, alla quale non siamo ancora molto abituati.

Questo libro ha l’ambizione di offrire un affresco completo di due millenni di storia, esplorazioni, conquiste, contaminazioni, reciproci scambi culturali, religiosi, oltre che economici e commerciali.

L’operazione non è semplice, per la vastità temporale e spaziale dei temi trattati (da Alessandro Magno alle Compagnia delle Indie orientali). Gli autori strutturano il testo a partire dalle vicende storiche di alcune città che furono, a fasi alterne, gli snodi principali delle rotte navali e delle vie carovaniere – Alessandria, Costantinopoli, Esfahan, Xian, Baghdad, Samarcanda, Goa, Amsterdam, per citare le principali.

Il tentativo, tuttavia, è meritorio, perché gli affascinanti percorsi battuti da mercanti come Marco Polo, missionari cristiani o buddhisti, avventurieri e geografi ci portano a superare molte interpretazioni schematiche ed etnocentriche della storia, nel momento in cui la «Via della seta» torna a essere al centro dei progetti commerciali e geopolitici dell’Asia in pieno sviluppo. (f.p.)

---

Franco Cardini
Alessandro Vanoli
La via della seta
Una storia millenaria tra Oriente e Occidente
Il Mulino, Bologna 201
pp. 344 – 16,00 euro

Ti interessa questo libro? Acquistalo qui

La musica contro

Un pianista siriano, divenuto un simbolo per avere suonato fra le macerie presso Damasco, racconta la sua vita di vittima in fuga, la musica, il dramma della guerra.

Musica dai lager, un concerto a Gerusalemme

In Israele a metà aprile risuoneranno brani musicali composti nei campi di concentramento nazisti. Conservati nella memoria dei sopravvissuti, sono stati raccolti da un musicista italiano.

Nella distruzione dell'arte la negazione dell'altro

Molto più di un saggio di archeologia (o di ciò che resta), questo studio affronta da varie angolature un fenomeno di violenta appropriazione della memoria, di «genocidio culturale» delle minoranze.

Laodicea la bianca

Sorge sul fiume Lico, affluente del Meandro, in Frigia (nell’attuale Turchia). Nel 2011 ritornò alla luce l’antica basilica di Laodicea.