Letture

Tra Asia ed Europa, la via di una storia comune


 Terrasanta.net |  22 febbraio 2018

Dall’antichità al Novecento, attraverso le vicende di città nodali, il libro illustra la trama di conoscenze, rapporti e contaminazioni che hanno segnato la storia tra Oriente asiatico e Mediterraneo.


Il suggestivo nome di «Via della seta», che il geografo tedesco Ferdinand von Richthofen ideò nell’Ottocento per indicare l’intreccio di vie commerciali tra l’Oriente e l’Occidente dell’Eurasia, ha avuto un successo straordinario. Ma non solo di seta si trattò, nei secoli, né di un’unica via. Fu invece una complessa vicenda storica che unì le civiltà tra loro lontane del Mediterraneo e del mondo cinese, insieme ai grandi spazi intermedi. La «Via della seta» è perciò emblema di una storia comune che oggi merita di essere osservata e studiata con la lente della World History, cioè con una prospettiva globale, alla quale non siamo ancora molto abituati.

Questo libro ha l’ambizione di offrire un affresco completo di due millenni di storia, esplorazioni, conquiste, contaminazioni, reciproci scambi culturali, religiosi, oltre che economici e commerciali.

L’operazione non è semplice, per la vastità temporale e spaziale dei temi trattati (da Alessandro Magno alle Compagnia delle Indie orientali). Gli autori strutturano il testo a partire dalle vicende storiche di alcune città che furono, a fasi alterne, gli snodi principali delle rotte navali e delle vie carovaniere – Alessandria, Costantinopoli, Esfahan, Xian, Baghdad, Samarcanda, Goa, Amsterdam, per citare le principali.

Il tentativo, tuttavia, è meritorio, perché gli affascinanti percorsi battuti da mercanti come Marco Polo, missionari cristiani o buddhisti, avventurieri e geografi ci portano a superare molte interpretazioni schematiche ed etnocentriche della storia, nel momento in cui la «Via della seta» torna a essere al centro dei progetti commerciali e geopolitici dell’Asia in pieno sviluppo. (f.p.)

---

Franco Cardini
Alessandro Vanoli
La via della seta
Una storia millenaria tra Oriente e Occidente
Il Mulino, Bologna 201
pp. 344 – 16,00 euro

Ti interessa questo libro? Acquistalo qui

A Cesarea di Filippo

Situata una quarantina di chilometri a nord del lago di Tiberiade, l'antica Cesarea di Filippo è per i cristiani il luogo in cui san Pietro confessa la sua fede in Gesù, il quale gli affida «le sue pecore».

Giovani in prima fila al Festival Religion Today

È giunto alla ventunesima edizione il festival cinematografico Religion Today, che da Trento si irradia ormai in varie parti del mondo. Quest'anno in rassegna 62 opere da 28 Paesi.

Il cattolicesimo d'Oriente sotto i riflettori

La Congregazione per le Chiese orientali ha recentemente dato alle stampe Oriente Cattolico, opera essenziale per conoscere meglio i cattolici non latini. Ne parliamo con il padre domenicano Lorenzo Lorusso.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell'esperienza umana in Gesù di Nazaret. I frati minori della Custodia promuovono i pellegrinaggi con l'apposito Ufficio di Roma.