Attualità

Patton: «Un Bambino ci salva»


 Terrasanta.net |  20 dicembre 2017

Il Custode di Terra Santa nel suo videomessaggio per il Natale 2017 dalla Grotta della Natività a Betlemme.

Arrivano direttamente dalla Grotta della Natività, a Betlemme, gli auguri del Custode di Terra Santa, fra Francesco Patton, per il Natale 2017. 


I suoi auguri per il Natale 2017, il Custode di Terra Santa, fra Francesco Patton, sceglie di inviarli proprio da «quella Grotta e quella mangiatoia in cui il Figlio di Dio ha sorriso e ha pianto col volto reale di un bambino e ci ha manifestato il volto di Dio nel volto di un bambino». Il messaggio natalizio ci raggiunge, oltre che in forma scritta, anche con un video registrato nella basilica della Natività, alla quale in questi giorni vanno idealmente gli sguardi dei cristiani di tutto il mondo.

Patton medita brevemente sulla possibilità di salvezza offertaci dal Bimbo Gesù: «Questo evento straordinario che è il Natale, si dischiude davanti a noi prima di tutto come un dono che ci viene incontro e riceviamo: un dono di salvezza che può cambiare la nostra vita e la nostra storia».

«Da cosa può mai salvarci un bambino avvolto in fasce che giace in una mangiatoia?» si è chiesto fra Patton. La sua risposta è che abbiamo bisogno di lui per uscire «dal nostro vivere ripiegati e accartocciati nella preoccupazione per noi stessi, dalla nostra presunzione, dalla prepotenza e dall’orgoglio, dal desiderio di farci valere a tutti i costi, da una impostazione di vita falsata, dal pessimismo, dalla sfiducia, dalla paura della morte».

A conclusione del suo messaggio, il Custode ci invita «ad aprire le braccia per accogliere, con generosa tenerezza il Bambino di Betlemme, ma anche tutti i piccoli nei quali oggi Egli si rende presente».

---

Clicca qui per la versione integrale del messaggio del Custode di Terra Santa e la versione video.

Preghiera e cultura, il 24 aprile nel ricordo del genocidio armeno

Iniziative religiose e culturali in tutta Italia accompagnano la giornata che ricorda le vittime del genocidio degli armeni, iniziato nel 1915 nei territori dell’Impero ottomano. Il commento del console Pietro Kuciukian.

Diritto al ritorno, c'è chi dice sì

Mentre nella Striscia di Gaza si ripetono le manifestazioni per il diritto dei profughi palestinesi a tornare alle loro terre, un sondaggio su un campione di israeliani dice che non tutti sarebbero contrari.

Aleppo e Damasco, storie di solidarietà e speranza

I recenti bombardamenti americani in Siria hanno riacceso la paura di un’escalation del conflitto. L’impegno della Chiesa per soccorrere la popolazione, nei racconti dei frati della Custodia.

L'arte italiana del Novecento nei santuari di Terra Santa

Se ne è parlato il 19 aprile ai Musei Vaticani durante la presentazione di un libro sugli artisti coinvolti da Antonio Barluzzi nei lavori ai santuari. Tra i relatori anche fra Francesco Patton.