Letture

Siria, alauiti e Islam esoterico


 Terrasanta.net |  5 dicembre 2017

La storia secolare di una minoranza «eretica» del Levante e le dinamiche mediorientali di guerra e potere in un saggio che offre una prospettiva del tutto particolare.


Chi cerca di addentrarsi negli intrecci politici e religiosi mediorientali trova in Negri una guida esperta: oltre trent'anni di viaggi e lavoro giornalistico nella regione gli consentono di realizzare una mappatura agile ma esauriente delle relazioni tra fedi e politica, questioni dottrinarie e ruolo delle minoranze. Il breve saggio esplora la dimensione religiosa ed esoterica del mondo islamico, ancora poco conosciuta. Questo islam «occulto», attraversato da sette e confraternite mistiche, molte delle quali hanno fatto della dissimulazione (taqiyya) una propria regola, merita attenzione perché esistono legami nascosti, obiettivi celati anche sul piano politico, che condizionano molte vicende contemporanee.

Una «variazione sul tema», come la definisce Lucio Caracciolo nella postfazione, è allora la prospettiva con cui il saggio ci porta nell'«infinito massacro della guerra in Siria». Negri ricostruisce in particolare le vicende degli alauiti che dal IX secolo costituiscono una delle componenti eretiche più misteriose dell'universo musulmano, per lungo tempo considerati estranei all'Islam stesso, anche se l'importanza che attribuiscono ad Alì li ha progressivamente accomunati alla famiglia sciita. L'attenzione per questa setta non deriva solo da interesse storico o antropologico, ma anche dal ruolo centrale che ha avuto nella storia siriana recente, in particolare attraverso la famiglia degli al-Asad. A partire dal periodo coloniale francese, gli alauiti (o nusayriti, secondo il nome del loro fondatore), hanno lasciato l'originario insediamento sulle montagne della costa mediterranea per conquistare spazi di influenza, fino a raggiungere i vertici politici ed economici del regime, a scapito della maggioranza sunnita. Nel titolo, che riecheggia la figura leggendaria e misconosciuta dell'ebreo errante, un riferimento a chi, nell'Ottocento, ha rivelato per primo fondamenti e riti dell'alauismo.

Ricostruire le radici storiche di questa minoranza nella cornice della «Mezzaluna sciita» consente di superare alcune letture semplificate della Siria odierna, distrutta da sei anni di conflitti, rompicapo geopolitico e scenario di tragedie umane a noi così vicine. (f.p.)

---
Alberto Negri
Il musulmano errante
Storia degli alauiti e dei misteri del Medio Oriente
Rosenberg & Sellier, Torino 2017
pp. 126 – 12,00 euro

Ti interessa questo libro? Acquistalo qui

Oltre i muri, almeno virtualmente

Far incontrare idealmente le famiglie israeliane con quelle palestinesi è l'ambizione di un'installazione di realtà virtuale proposta al Museo di Israele, a Gerusalemme. È Visitors 2018 di Daniel Landau.

Barluzzi, progettista per la gloria di Dio

In un pellegrinaggio nei santuari cristiani in Israele e Palestina si incontrano non poche chiese costruite nel secolo scorso. Molte sono riconducibili a un unico progettista: l'italiano Antonio Barluzzi.

L'Egitto di san Francesco

Lo spagnolo Manuel Corullón, frate minore che da 25 anni vive in Marocco e coltiva il dialogo con i musulmani, rilegge in questo agile volume il celebre incontro tra san Francesco e il sultano d'Egitto nel 1219.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell'esperienza umana in Gesù di Nazaret. I frati minori della Custodia promuovono i pellegrinaggi con l'apposito Ufficio di Roma.