Attualità

Tra israeliani e palestinesi un accordo sull'acqua


 Terrasanta.net |  14 luglio 2017

L'aqua dolce è una delle risorse più preziose in Medio Oriente.

Ogni anno circa 30 milioni di metri cubi d'acqua verranno forniti da Israele all'Autorità Nazionale Palestinese, per il fabbisogno delle popolazioni di Cisgiordania e Striscia di Gaza.


(g.s.) - L’Autorità Nazionale Palestinese acquisterà, a prezzi calmierati, 32 milioni di metri cubi d’acqua ogni anno da Israele per placare la sete della Cisgiordania e della Striscia di Gaza. Lo stabilisce un accordo tra le due parti firmato ieri grazie alla mediazione del governo statunitense.  

Il prezioso liquido destinato ad essere desalinizzato verrà attinto dalle condotte che alimenteranno con acque pompate dal Mar Rosso il Mar Morto, che va drammaticamente ritirandosi.

Un progetto ambizioso e non privo di qualche incognita, soprattutto per quanto concerne la compatibilità delle acque del Mar Rosso con l’ecosistema del grande lago salato più a nord. Si cominciò a parlarne nel 2005, quando i governi di Giordania, Israele e dell’Autorità Nazionale Palestinese si rivolsero alla Banca Mondiale per chiedere finanziamenti e studi di fattibilità.

Un successivo memorandum d’intesa venne firmato nel 2013 per dare il via al progetto, che in effetti è entrato nella fase operativa nel 2015. Si tratta di realizzare canalizzazioni tra i due mari e un possente impianto di desalinizzazione per potabilizzare la quota d’acqua che confluirà negli acquedotti giordani, israeliani e palestinesi. Il costo complessivo previsto è pari a 900 milioni di dollari e si prevede di terminare i lavori di qui a quattro o cinque anni, riferisce il quotidiano Haaretz.

L’accordo firmato ieri tra israeliani e palestinesi formalizza, sostanzialmente, quanto era già stato previsto, in linea di massima, nel 2013.

Moderazione e dialogo per amore di Gerusalemme!

Dal Vaticano all'Onu si moltiplicano gli appelli a far sopire le tensioni che in questi giorni turbano la Terra Santa. Diplomazie al lavoro per scongiurare una guerra di religione.

Un drammatico venerdì di proteste e violenza

La "Giornata della rabbia" indetta ieri dai palestinesi in tutti i loro centri urbani è sfociata in proteste e scontri. Tre i morti e oltre 300 i feriti a Gerusalemme e dintorni. E a sera un nuovo attentato antiebraico.

Boicottaggio musulmano della Spianata delle Moschee

L’attentato omicida del 14 luglio scorso nella città vecchia di Gerusalemme, ha prodotto giorni di alta tensione intorno alla Spianata delle Moschee. Scontri tra polizia israeliana e manifestanti palestinesi.

Un altro modo per dire «Kosher!»

Oltre alle storiche tensioni fra laici e religiosi, negli ultimi anni in Israele si sono accentuate le divisioni tra le varie anime dell’ebraismo ortodosso. Anche riguardo alle regole religiose sugli alimenti.