Attualità

Tra israeliani e palestinesi un accordo sull'acqua


 Terrasanta.net |  14 luglio 2017

L'aqua dolce è una delle risorse più preziose in Medio Oriente.

Ogni anno circa 30 milioni di metri cubi d'acqua verranno forniti da Israele all'Autorità Nazionale Palestinese, per il fabbisogno delle popolazioni di Cisgiordania e Striscia di Gaza.


(g.s.) - L’Autorità Nazionale Palestinese acquisterà, a prezzi calmierati, 32 milioni di metri cubi d’acqua ogni anno da Israele per placare la sete della Cisgiordania e della Striscia di Gaza. Lo stabilisce un accordo tra le due parti firmato ieri grazie alla mediazione del governo statunitense.  

Il prezioso liquido destinato ad essere desalinizzato verrà attinto dalle condotte che alimenteranno con acque pompate dal Mar Rosso il Mar Morto, che va drammaticamente ritirandosi.

Un progetto ambizioso e non privo di qualche incognita, soprattutto per quanto concerne la compatibilità delle acque del Mar Rosso con l’ecosistema del grande lago salato più a nord. Si cominciò a parlarne nel 2005, quando i governi di Giordania, Israele e dell’Autorità Nazionale Palestinese si rivolsero alla Banca Mondiale per chiedere finanziamenti e studi di fattibilità.

Un successivo memorandum d’intesa venne firmato nel 2013 per dare il via al progetto, che in effetti è entrato nella fase operativa nel 2015. Si tratta di realizzare canalizzazioni tra i due mari e un possente impianto di desalinizzazione per potabilizzare la quota d’acqua che confluirà negli acquedotti giordani, israeliani e palestinesi. Il costo complessivo previsto è pari a 900 milioni di dollari e si prevede di terminare i lavori di qui a quattro o cinque anni, riferisce il quotidiano Haaretz.

L’accordo firmato ieri tra israeliani e palestinesi formalizza, sostanzialmente, quanto era già stato previsto, in linea di massima, nel 2013.

Yehoshua: L'estremismo religioso pietra d'inciampo

Per lo scrittore israeliano A. B. Yehoshua il dialogo tra israeliani e palestinesi è sempre più difficile e la soluzione dei due Stati per due popoli in Terra Santa «è ormai morta da tempo».

Storico! Il patriarca maronita Rai in Arabia Saudita

Per la prima volta un leader religioso cristiano è stato ricevuto con tutti gli onori dai governanti sauditi a Riyadh. Il cardinale Rai ha colto l'occasione per incontrare il premier libanese dimissionario Hariri.

Il Libano in crisi cerca nuovi equilibri

Dopo le dimissioni a sorpresa del premier Hariri, il Libano deve ritrovare nuove forme di collaborazione tra lo schieramento sunnita legato all'Arabia Saudita e il fronte filoiraniano guidato da Hezbollah.

Per l'Egitto una nuova capitale

Entro la fine del 2019 gli egiziani avranno una nuova capitale amministrativa, non lontana dal Cairo. La città avrà 5 milioni di abitanti e vedrà al lavoro quasi 2 milioni di persone.