DOSSIER

Fratelli in cammino


di M. Borraccino - G. Caffulli - G. Sandionigi |  maggio-giugno 2017

Una celebrazione ecumenica di tedeschi luterani e cattolici nella basilica della Dormizione a Gerusalemme. (foto Sebi Berens/Flash90)

In Terra Santa e Giordania, la presenza delle Chiese della Riforma è minoritaria all’interno del mondo cristiano. Ma non per questo trascurabile.


Il 31 ottobre 2016 papa Francesco e il vescovo luterano di Gerusalemme Munib Younan, presidente della Federazione luterana mondiale, si sono ritrovati nella cattedrale di Lund, Svezia, per un incontro ecumenico che ha aperto le celebrazioni per i 500 anni della Riforma protestante. Al termine dell’incontro, il pontefice e il rappresentante della Federazione luterana hanno sottoscritto una dichiarazione congiunta, intitolata Dal conflitto alla comunione. «Mentre siamo profondamente grati – si legge nel testo – per i doni spirituali e teologici ricevuti attraverso la Riforma, confessiamo e deploriamo davanti a Cristo il fatto che luterani e cattolici hanno ferito l’unità visibile della Chiesa. Differenze teologiche sono state accompagnate da pregiudizi e conflitti e la religione è stata strumentalizzata per fini politici. La nostra comune fede in Gesù Cristo e il nostro battesimo esigono da noi una conversione quotidiana, grazie alla quale ripudiamo i dissensi e i conflitti storici che ostacolano il ministero della riconciliazione. Mentre il passato non può essere cambiato, la memoria e il modo di fare memoria possono essere trasformati».

In Terra Santa e Giordania, la presenza delle Chiese della Riforma è minoritaria all’interno del mondo cristiano. Ma tutt’altro che trascurabile. Oltre alla presenza pastorale, le Chiese protestanti hanno una presenza capillare sul versante dell’educazione, dell’assistenza sanitaria e del dialogo interreligioso. Nel servizio che vi proponiamo, il racconto di questa presenza, dando conto delle iniziative ecumeniche che anche in Terra Santa si sono svolte o si stanno svolgendo per rimediare (ove possibile) alle ferite inferte all’unica Chiesa di Cristo.

---

Il testo che precede è l'Introduzione al Dossier di 16 pagine pubblicato in Terrasanta su carta.


Eccov
i il sommario del Dossier:

La pattuglia del dialogo - di Manuela Borraccino

Augusta Victoria, un ospedale al servizio dei poveri - di Giuseppe Caffulli

Il mio sogno? Fratelli riconciliati - Intervista di Manuela Borraccino alla pastora Petra Heldt

A fianco della gente. A colloquio con il pastore Ibrahim Azar - di Giampiero Sandionigi

Luterani e cattolici, testimoni dell'unità in Terra Santa - g.c.

In questo numero

Il sommario dei temi toccati nel numero di maggio-giugno 2017 di Terrasanta su carta. Tutti i contenuti, dalla prima all’ultima pagina, ordinati per sezioni. Buona lettura!

Nebo, la basilica ritrovata

Dopo restauri complessi, restituite alla preghiera e all'ammirazione dei pellegrini le vestigia dell'antica basilica bizantina che si affaccia sul deserto e la Valle del Giordano.

Un conflitto lungo cinquant'anni

Nel giugno 1967 scoppiava la guerra dei Sei giorni, che in una manciata di ore ha cambiato la storia del Medio Oriente. Quanto pesa ancora quel conflitto nelle vicende odierne?