Letture

La quotidianità tragicomica di un arabo israeliano


 Terrasanta.net |  7 giugno 2017

L'arabo Sayed Kashua è uno scrittore affermato in Israele. Per un decennio una sua rubrica sul quotidiano Haaretz ha dipinto con arguzia e ironia la quotidianità dei palestinesi israeliani. Il meglio è in questo libro.


Arabo e israeliano, scrittore e sceneggiatore di successo (in “patria” è celebre la sua sit-comArab Labor), il quarantaduenne Sayed Kashua è emigrato negli Stati Uniti con la famiglia nel 2014, convinto ormai che l’uguaglianza tra ebrei ed arabi israeliani sia destinata a restare un’utopia. Prima di decidere un simile passo Kashua ha avuto per un decennio un suo spazio sul quotidiano Haaretz. «Scrivere la rubrica – spiega lui stesso – era diventato il filo conduttore della mia vita. Dal momento in cui avevo spedito il pezzo alla redazione del giornale cominciavo a pensare a quello della settimana successiva. Non cercavo pensieri o idee, ma sensazioni. Il metodo che avevo adottato consisteva nello scrivere di ciò che mi aveva più emozionato durante la settimana appena trascorsa. Avevo affinato la mia sensibilità e seguivo i sentimenti: la paura, il dolore, la speranza, il desiderio, la rabbia o la gioia – promettendo a me stesso che avrei cercato di trasmettere quei sentimenti ai lettori attraverso delle brevi storie». Questo libro propone ai lettori italiani, con la traduzione di Elena Loewenthal, una selezione di quei testi operata dallo stesso autore. Alcuni rispondono all’intento di descrivere ironicamente la realtà israeliana proponendosi come surreali opere di fantasia che richiamano alla mente pagine di un altro scrittore israeliano: l’ebreo Etgar Keret, di cui Kashua – di otto anni più giovane – è amico.

Magari qualcuno, con sorpresa, si renderà conto che anche laggiù la vita quotidiana è fatta di minuzie e banalità che hanno il sapore del déja vu che ci rimandano dritti dritti alla nostra esperienza di individui e di famiglie non poi così diversi da tanti altri umani del pianeta. In molte delle storie che leggeremo qui l'inimicizia israelo-palestinese si prende la scena; in tante altre aleggia sullo sfondo o fa capolino in punta di piedi, lasciando semmai più spazio alle distanze (e contiguità) di ordine socioculturale e religioso.

Detto questo, non resta che aggiungere un’avvertenza: qua e là queste pagine di Kashua ossigenano il sangue con gustose risate. (g.s.)

---

Sayed Kashua
Ultimi dispacci
di vita palestinese in Israele
Neri Pozza, Vicenza 2017
pp. 320 - 20,00 euro

 

Ti interessa questo libro? Acquistalo qui

Musica dai lager, un concerto a Gerusalemme

In Israele a metà aprile risuoneranno brani musicali composti nei campi di concentramento nazisti. Conservati nella memoria dei sopravvissuti, sono stati raccolti da un musicista italiano.

Nella distruzione dell'arte la negazione dell'altro

Molto più di un saggio di archeologia (o di ciò che resta), questo studio affronta da varie angolature un fenomeno di violenta appropriazione della memoria, di «genocidio culturale» delle minoranze.

Laodicea la bianca

Sorge sul fiume Lico, affluente del Meandro, in Frigia (nell’attuale Turchia). Nel 2011 ritornò alla luce l’antica basilica di Laodicea.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell'esperienza umana in Gesù di Nazaret. I frati minori della Custodia promuovono i pellegrinaggi con l'apposito Ufficio di Roma.